Valle dell’Irno, operazioni per contrastare l’illegalità

FISCIANO. Ieri sera, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio svolto nella Valle dell’Irno dai Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino, sono state deferite sei  persone per  spendita di monete falsificate, porto di arma bianca, sottrazione consensuale di minore e guida senza patente. In particolare, a Calvanico e Fisciano, a seguito di segnalazioni […]

FISCIANO. Ieri sera, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio svolto nella Valle dell’Irno dai Carabinieri della Compagnia di Mercato San Severino, sono state deferite sei  persone per  spendita di monete falsificate, porto di arma bianca, sottrazione consensuale di minore e guida senza patente.

In particolare, a Calvanico e Fisciano, a seguito di segnalazioni pervenute da commercianti del luogo, è stato rintracciato e deferito in stato di libertà per detenzione e spendita di monete falsificate un 20enne, rumeno, disoccupato, trovato, a seguito di perquisizione, in possesso di una banconota da 50 euro contraffatta. Stessa sorte per una 30enne, casalinga del luogo, che aveva speso una banconota contraffatta da 100 euro presso una rivendita di frutta e verdura. Nel corso del servizio un 17enne rumeno che, si accompagnava al citato connazionale, è stato deferito per porto illegale di arma bianca, in quanto trovato in possesso di un coltello a serramanico. Le banconote e l’arma bianca sono stati sottoposti a sequestro.

Inoltre, a conclusione delle indagini avviate a seguito di una denuncia di allontanamento volontario sporta dalla madre di una 15enne rumena, la Stazione di Fisciano  ha deferito in stato di libertà, per sottrazione consensuale di minore, il fidanzato rumeno di 20 anni, con il quale l’adolescente, a seguito delle ricerche immediatamente diramate a livello nazionale, è stata rintracciata questa notte nella stazione ferroviaria di Bologna.

Sono stati anche istituiti posti di controllo nell’intera giurisdizione, verificate le posizioni delle persone agli arresti domiciliari o sottoposti a misure di prevenzione, elevate diverse contravvenzioni per gravi infrazioni al codice della strada, tra cui due conducenti deferiti per guida senza patente e segnalati alcuni giovani per assunzione di sostanze stupefacenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *