Strage di gatti a Battipaglia: c’è una taglia sul serial killer

Una taglia sul serial killer responsabile della strage di gatti a Battipaglia. A proporla è l'onorevole Paolo Bernini, presidente della Dpa Onlus

gatti morti battipaglia

Una taglia sul serial killer responsabile della strage di gatti a Battipaglia. A proporla è l’onorevole Paolo Bernini, presidente della Dpa Onlus dopo l’ennesimo episodio documentato nei giorni scorsi.

A Battipaglia va fermata la strage dei gatti. Taglia sul serial killer

La crudele tecnica è sempre la stessa. Il killer dissemina in giro sacchetti contenenti veleno misto a briciole, chiodi e monetine. L’allarme è stato lanciato da Bernini dopo la morte in clinica veterinaria di un gatto trovato in fin di vita in piazza della Repubblica e il ritrovamento di un altro gatto morto nei pressi della scuola media Fiorentino.

Bernini accusa l’amministrazione comunale

Il presidente di Dpa Onlus bacchetta il Comune di Battipaglia, che non avrebbe al momento mosso un dito per fermare questa strage.

Assordante il silenzio dell’amministrazione che, ignorando la normativa in vigore con annessi obblighi di tutela verso gli animali randagi, negli anni non ha mai avviato programmi di sterilizzazione dei randagi né ha ascoltato le proposte gratuite delle associazioni di volontariato presenti sul territorio finalizzate al raggiungimento di un corretto vivere civile tra umani ed animali.

E nessuna risposta è ad oggi pervenuta, neppure davanti ad un’emergenza di questa portata che potrebbe costare la vita anche a bambini, qualora dovessero accidentalmente ingerire il contenuto dei sacchetti disseminati per i vicoli cittadini!

A mezzo posta certificata, tramite l’avvocato Paola Contursi abbiamo ricordato alla sindaca che proprio lei è la massima autorità sanitaria della comunità e sollecitato un celere intervento affinché metta in campo ogni strategia -così come previsto dalla legge in vigore- necessaria a tutelare la salute e l’incolumità degli animali e dei cittadini.

Abbiamo già sporto formale denuncia per maltrattamento e uccisione di animali e non esiteremo a denunciare presso la Procura competente anche l’inerzia di tutti coloro che con condotte omissive si renderebbero complici di questo silenzioso massacro.

Cogliendo occasione per ringraziare la Polizia Municipale impegnata nelle indagini e nella messa in sicurezza delle strade cittadine, abbiamo deciso di offrire una ricompensa di 1000 € a chiunque fornisca alla Dpa Onlus informazioni utili alla condanna del colpevole della morte degli animali.

Non arretreremo di un passo e andremo fino in fondo a questa vicenda: il killer ha le ore contate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *