La strada della discordia a Palazzo di Città

BATTIPAGLIA. Si parlerà della chiusura di via Brodolini al traffico a causa dei lavori del Più Europa domani mattina, a Palazzo di Città. Alle ore 12.30 si svolgerà l’atteso faccia a faccia tra la commissione straordinaria ed una delegazione di imprenditori dell’area industriale. A colloquio con il presidente della triade, Gerlando Iorio, andranno Francesco Ferraiuolo, Antonio […]

BATTIPAGLIA. Si parlerà della chiusura di via Brodolini al traffico a causa dei lavori del Più Europa domani mattina, a Palazzo di Città. Alle ore 12.30 si svolgerà l’atteso faccia a faccia tra la commissione straordinaria ed una delegazione di imprenditori dell’area industriale. A colloquio con il presidente della triade, Gerlando Iorio, andranno Francesco Ferraiuolo, Antonio Lanzetta, Tonino Cannalonga e Giuseppe Scelza. L’incontro è stato chiesto dagli stessi imprenditori la scorsa settimana. Dal 10 marzo, a causa dei lavori del Più Europa, è chiuso il tratto di viale Brosolini che conduce verso la zona industriale dall’incrocio con via Jemma al centro Majestic. La strada avrebbe dovuto essere riaperta, stando al comunicato diffuso dal Comune di Battipaglia in tale data, nell’arco di sei mesi, pertanto entro il mese di settembre appena trascorso. Invece, la strada non solo è ancora chiusa, ma il divieto è stato esteso a tutto il tratto, rendendo impossibile anche l’utilizzo della strada alternativa lungo via Mozart. “Per esigenze tecniche connesse ai lavori relativi alla viabilità di pertinenza del centro modale di interscambio viaggiatori, progetto portante del programma Più Europa – aveva comunicato l’ente il 23 settembre – il tratto di strada che va dall’incrocio di via Jemma con via Brodolini sarà sottoposto a divieto di transito fino ad ultimazione lavori”. Peccato che, in realtà, non si conosca la data in cui terminerà tale sezione dell’opera. Gli ottimisti parlano di una fine dei lavori a dicembre, ma c’è anche chi ipotizza tempi ancora più lunghi. Domani dal Comune potrebbero giungere le tanto attese risposte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *