Sottosegretario M5S Tofalo imbraccia il mitra con la mimetica

Sottosegretario M5S Tofalo imbraccia il mitra con la mimetica "per capire cosa si prova".«Non si può parlare di equipaggiamento, se non lo si indossa»

Sottosegretario M5S Tofalo imbraccia il mitra con la mimeticaper capire cosa si prova“. Polemica sul web. «Non si può parlare di equipaggiamento, se non lo si indossa», ha spiegato. Incontrando i vertici dell’Esercito per parlare degli sviluppi e delle criticità dell’operazione Strade sicure, si è tolto giacca, cravatta e scarpe per indossare divisa e anfibi, postando poi il video sul suo profilo Facebook.



Sottosegretario M5S Tofalo imbraccia il mitra con la mimetica

In una riunione svoltasi nei giorni scorsi a Palazzo Esercito, Tofalo ha approfondito con l’Esercito «specifici aspetti tecnici» dell’operazione «Strade Sicure», che in futuro – ha detto – potrebbe cambiare in senso più «dinamico», con meno presidi fissi e più pattuglie mobili.


Il video


Dell’operazione sono stati sottolineati i risultati positivi «in termini di interventi, arresti, controlli, denunce e sequestri di armi e veicoli», ma il sottosegretario ha posto soprattutto l’accento sul «benessere e la sicurezza del personale» impegnato: «più di settemila militari distribuiti in quasi tutte le regioni italiane».

Le parole di Tofalo

Dunque, spiega Tofalo su Facebook, «si è parlato del trattamento economico e delle indennità al personale militare, dei turni di servizio, della necessità di migliorare le strutture alloggiative, di un ripianamento dei mezzi sempre più inefficienti a causa dell’impiego in ambienti diversi dalla natura tattica per la quale sono stati progettati». E si è parlato, naturalmente, dell’equipaggiamento dei soldati, che Tofalo ha voluto testare personalmente.

«Potrebbe sembrare banale – spiega su Fb – ma posso assicurarvi che non lo è. Per questa ragione ho chiesto di poter indossare quello che i nostri militari portano addosso nei turni di servizio, per acquisire maggiore consapevolezza e conoscenza».

Si tratta di quattro diverse tipologie di equipaggiamento, che variano dai 4,5 ai 15 chili di peso, «ciascuna con caratteristiche modulari, dal livello minimo a quello massimo di mobilità e protezione». Tofalo ha provato l’equipaggiamento ‘completò, maneggiando anche le armi in dotazione. La riunione si è chiusa con l’assicurazione, da parte del sottosegretario, che farà di tutto per mettere «i nostri ragazzi nelle migliori condizioni di fare e fare bene, a tutela dei contribuenti».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *