Sapri, entro il mese di dicembre saranno pagati gli arretrati ai Forestali

SAPRI. Questa mattina una delegazione rappresentativa dei Sindacati dei lavoratori, dei Presidenti delle Cm e dei Sindaci presenti all’iniziativa di protesta, sono stati ricevuti dall’assessore Nugnes. La rappresentante del Governo regionale ha comunicato, a nome del Presidente Stefano Caldoro, che entro il 30 novembre saranno disponibili 20 milioni di euro a condizione che verrà firmato […]

SAPRI. Questa mattina una delegazione rappresentativa dei Sindacati dei lavoratori, dei Presidenti delle Cm e dei Sindaci presenti all’iniziativa di protesta, sono stati ricevuti dall’assessore Nugnes. La rappresentante del Governo regionale ha comunicato, a nome del Presidente Stefano Caldoro, che entro il 30 novembre saranno disponibili 20 milioni di euro a condizione che verrà firmato la Apq a Roma dove sono previsti incontri presso il competente Ministero per definire la situazione. Qualora l'”Accordo Quadro di Progamma” non venisse definito in tempi brevi, la Giunta regionale si impegnerà ad erogare 10 milioni di euro come acconto 2014, nonché la liquidazione del saldo 2011. Soddisfatto il sindaco di Sapri Giuseppe Del Medico, presente all’incontro, che ha commentato:«Abbiamo visto accendersi negli occhi dei lavoratori presenti una piccola speranza. Sembra finalmente avviarsi ad una soluzione la vertenza degli operai forestali, per ora almeno in via teorica, torniamo a casa con un buon annuncio: entro il mese di dicembre saranno pagate le spettanze arretrate degli operai. Seguiremo la vicenda con la massima attenzione». Le parti, infine, si incontreranno presso la stessa sede il 27 novembre per verificare quanto convenuto. «Saremo vigili affinchè siano rispettati gli impegni assunti- ha dichiarato il presidente della Cm Vincenzo Speranza– nel valutare positivimente il risultato ottenuto. Si augura che il tutto venga risolto in tempi brevi e si definisca l’iter amministrativo per consentire la corresponsione di alcune mensilità prima delle festività natalizie».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *