Salerno, scritte sui muri: murales o vandalismo?

Dalla Stazione sino a giungere alla Cittadella Giudiziaria, il decoro urbano è pressoché inesistente. Scritte invadono le mura dell'intera area

SALERNO. Nella città di Salerno sembra quasi impossibile trovare una soluzione che possa offrire il decoro urbano tanto agognato dai cittadini. Presso la zona dei Santissimi Martiri Salernitani, sino a giungere alla zona adiacente al circolo dei ferrovieri, vi è l’invasione di scritte sui muri ovvero “finti murales”.

Non si tratta di capolavori legati alla street art, come potrebbe essere quella favolosa opera realizzata presso Parco Pinocchio, le foto e i video che stiamo per mostrarvi parlano chiaro. Si tratta, infatti, di scritte sui muri e in altri punti, inquinandola.

IL FATTO

Ebbene sì, non si tratta di arte, ma di vero e proprio inquinamento visivo. Frasi politiche inneggiano a ipotetiche rivoluzioni e cori da stadio che inneggiano alla violazione delle leggi o all’onore di chi (si presume per ovvi motivi) ha subito delle diffide.

Le scritte che ci catapultano metaforicamente in una degradato anfratto sono quelle offese becere e dei numeri di telefono con affianco delle promesse di prestazioni sessuali in cambio di denaro.

E l’assenza di decoro urbano non si avverte solo nella strada del sottopassaggio che collega la stazione fs con la Chiesa dei Santissimi Martiri Salernitani, ma anche quando si giunge sino alle palazzine adiacenti, all’edicola e per tutti gli appartamenti della zona.

Sono mura grigia di cemento ostaggio delle scritte da bomboletta e delle firme di coloro realizzate col medesimo metodo che, come direbbe il governatore della Regione Campania (ex sindaco di Salerno), Vincenzo De Luca, danno l’impressione che si tratti di un segno distintivo.

Quello che ci salta di più all’occhio, sono quei punti del video in cui abbiamo modo di identificare due aspetti a dir poco disarmanti: il primo è la presenza di simboli che si rifanno al nazismo e il secondo sono gli aloni delle precedenti scritte riverniciate che si sovrappongono alle nuove (emblema di un netto fallimento delle autorità competenti).

LE FOTO

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *