Salerno, l’Adp incontra in questore Anzalone

SALERNO. Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni del segretario provinciale dell’Adp, Oreste Somma, in merito all’incontro con il Questore Alfredo Anzalone, avvenuto lo scorso 13 novembre: “Cordiale e proficuo incontro, in data 13 novembre c.a., della delegazione salernitana dell’Adp guidata dal segretario provinciale, il dottor Oreste Somma con il neo Questore di Salerno Alfredo Anzalone. Durante […]

SALERNO. Riceviamo e pubblichiamo le dichiarazioni del segretario provinciale dell’Adp, Oreste Somma, in merito all’incontro con il Questore Alfredo Anzalone, avvenuto lo scorso 13 novembre: “Cordiale e proficuo incontro, in data 13 novembre c.a., della delegazione salernitana dell’Adp guidata dal segretario provinciale, il dottor Oreste Somma con il neo Questore di Salerno Alfredo Anzalone.
Durante l’incontro, di oltre due ore, erano presenti anche i vice segretari Giovanni Sica, Alfonso Petti e Cesare Giordano, sono stati trattati argomenti di notevole interesse. La scarsità delle risorse umane dovuta ai numerosi pensionamenti degli ultimi anni senza un adeguato ricambio ha determinato situazione di criticità in alcuni uffici di Polizia, dove l’Adp ha chiesto adeguati rinforzi, tenendo conto delle domande di trasferimento già esistenti, non tralasciando incisivi interventi presso il Dipartimento di P.S., ricorrendo se ritenuto opportuno anche ad interrogazioni parlamentari per il reintegro urgente del personale.
Il Signor Questore, sulla scorta di quanto richiesto, ha assicurato che fin dai primi giorni del suo insediamento ha iniziato a lavorare alla movimentazione del personale, cercando di riequilibrare situazioni già precarie, conciliando esigenze di servizio con quelle personali, al fine di colmare, in parte, i gap formatisi negli organici sia della Questura che dei Commissariati.
Il segretario Somma, da qualche mese anche Componente della Segreteria Nazionale dell’Adp, ha rappresentato, inoltre, una maggiore attenzione alle problematiche personali e al benessere dei poliziotti, relativamente a situazioni contingenti come la criticità dei parcheggi della Questura e il rifiuto dei buoni pasto Repas da parte di esercizi commerciali (supermarket) che sebbene nell’elenco degli esercizi convenzionati, alla negoziazione dei suddetti titoli, inspiegabilmente non li accettano. Sono entrambe situazioni che creano disagio ed esborso di denaro, penalizzante per lo stipendio dei poliziotti. In tal senso, il Signor Questore, d’accordo con questa O.S., ha assicurato opportune verifiche.
In ultimo, ma non ultimo, il segretario Somma si è congratulato col Signor Questore per aver ascoltato battaglie portate avanti da oltre un anno dall’Adp in merito alla riapertura del Drappello di Polizia presso l’Ospedale Civile “San Leonardo”.
Il Signor Questore ha assicurato che i lavori stanno proseguendo rapidamente, e prestissimo sarà di nuovo operativo il posto di Polizia all’interno dell’Ospedale. L’iniziativa della riapertura del Drappello di P.S. presso l’Ospedale, tra l’altro, è già stata presa con entusiasmo dal personale medico e paramedico, come riferito a questa O.S. dal Segretario Regionale dei Medici Radiologi dottor Roberto Natella.
Bisogna dare atto che una percezione di maggiore sicurezza per i cittadini si è già avvertita, nella zona orientale, grazie alla presenza dall’inizio del mese di una volante del Commissariato Sezionale di Torrione, diretto dal V.Q.A dottor Lorenzo Guarnaccia.
Grazie all’impegno del Signor Questore, il Commissariato Sezionale Torrione sta ritornando agli antichi splendori, con reintegro di uomini e mezzi. Operazione che sarà completata con la riapertura del Drappello di P.S. alle dirette dipendenze del Commissariato Torrione.
Il futuro va programmato e le idee vanno realizzate. L’Adp è certo che con queste prerogative si avranno benefici in termini di sicurezza che potranno essere valutati nel medio/lungo periodo.
Nel contempo questa O.S. sarà sempre attenta alle esigenze ed alle problematiche del personale, svolgendo un ruolo di garanzia in un momento storico molto difficile”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *