Denaro e climatizzatori in cambio di cause civili, arrestato magistrato

Avrebbe ricevuto da alcuni imprenditori denaro per la società polisportiva Rocchese e forniture per un agriturismo

SALERNO. Riceveva denaro e regali a favore della società sportiva di cui era responsabile. Si tratta di Mario Pagano, un magistrato del tribunale di Salerno, poi in servizio a Reggio Calabria, finito agli arresti domiciliari insieme al funzionario giudiziario Nicola Domenico. Montone.

Le indagini

Secondo un’indagine della Procura di Napoli – che ha emesso sette misure cautelari, di cui due arresti domiciliari, quattro divieti di dimora e un obbligo di dimora – Pagano avrebbe favorito alcuni imprenditori, trattando cause civili con esiti favorevoli per questi ultimi. In particolare, il magistrato avrebbe ricevuto dagli imprenditori utilità varie, tra cui somme indebite di denaro per la società polisportiva Rocchese e forniture (impianti di condizionamento, cucine) per l’agriturismo a Roccapiemonte dei suoi familiari.

Tra gli imprenditori che hanno corrotto il giudice, secondo la Procura, Luigi Celeste Angrisani, titolare della clinica Villa dei Fiori a Nocera Inferiore, che avrebbe regalato anche un orologio da 20mila euro, e Riccardo De Falco e Giovanni Di Giura, titolari rispettivamente delle case di cura Villa Silvia e Materdomini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *