Salerno, alberi pieni di cancro e malattie varie

Salerno non è un paese per gli alberi, è questa la triste analisi prodotta da un'indagine effettuata dall'ala nord sino alla zona orientale

SALERNO. L’edificazione forzata e ingiustificata della nuova e della vecchia amministrazione comunale, ha ridotto di gran lunga la densità di verde presente nella città di Salerno. E, mentre il comune muta, gli alberi soffrono.

Basta fare una passeggiata per Salerno, dall’ala nord sino a giungere nella zona orientale, per comprendere a pieno in che stato versano i pioppi e le altre varietà di fusti posti ai bordi dei marciapiedi.

I dati

Un’accurata indagine, frutta di una mappatura degli alberi sulle zone precedentemente elencate, ha prodotto la drammatica analisi: dal Parco dell’Irno sino a Torrione, almeno 2 alberi su 3 sono affetti dalle più svariate malattie.

Gli esperti hanno avuto modo di trattare con grande cura queste problematiche legate ai tronchi e ai rami e hanno dedotto che, senza ombra di dubbio, le malattie letali per gli alberi sono i fitoparassiti e i fitopatogeni.

A Salerno si può dire che questo problema c’è sempre stato, frutto di una gestione comunale totalmente disastrosa da questo punto di vista, i cittadini mostrano una totale incoscienza e non curanza per questo fenomeno.

Nel 2017 il verde mostra il malessere in tutte le sue forme, presentando palesi malattie fungine, evidenti presenze di virus e batteri, malattie fogliare, dell’apparato radicale, del colletto e degli organi lignificati.

Le immagini sovrimpresse parlano da sole, esse mostrano la nuda e cruda realtà. Le anomalie di questi alberi fanno insorgere la faccia sporca della politica locale e sono la testimonianza palese del fatto che urge un drastico cambio di rotta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *