Rifiuti sotto Piazza della Libertà, rinviate a giudizio 17 persone e due società

SALERNO. Sotto Piazza della Libertà ci sarebbero circa tremila metri quadri di rifiuti speciali, materiale proveniente dalla demolizione del Pastificio Amato. Gli imprenditori e i tecnici avrebbero usato questi rifiuti come materiale di rimpimento del cantiere. Inoltre pietre e rocce del cantiere, per cui il Comune pagava i costi di smaltimento, sarebbero finite invece in […]

SALERNO. Sotto Piazza della Libertà ci sarebbero circa tremila metri quadri di rifiuti speciali, materiale proveniente dalla demolizione del Pastificio Amato. Gli imprenditori e i tecnici avrebbero usato questi rifiuti come materiale di rimpimento del cantiere. Inoltre pietre e rocce del cantiere, per cui il Comune pagava i costi di smaltimento, sarebbero finite invece in discariche abusive. Il giudice dell’udienza preliminare Donatella Mancini, ha rinviato a giudizio due società: la Esa costruzioni, che ha eseguito i lavori per la piazza, e la Meca srl, che si è occupata dello sversamento illegale dei rifiuti. Indagate anche altre 17 persone. Il processo inizierà il prossimo maggio. Il Comune si è costituito parte civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *