Rifiuti, interviene Rosaria Sica: “Serve collaborazione”

Rosaria Sica, coordinamento provinciale UDC, interviene in merito alla questione rifiuti

Rosaria Sica, coordinamento provinciale UDC, interviene in merito alla questione rifiuti.

Questione rifiuti: le parole di Rosaria Sica

“Questo tema affligge e condiziona la Regione Campania da alcuni decenni ed ha attraversato le diverse amministrazioni regionali, di centrosinistra e di centrodesta.

E, purtroppo, ancora oggi, i fatti di Battipaglia dimostrano che non è stata imboccata la via d’uscita.

Due sono le questioni:

  • La prima è che si pretende di programmare senza ascoltare i territori, con un nuovo centralismo regionale che non ci convince. Non è più il tempo di decidere senza la partecipazione del territorio. Forse è il tempo di affidare ai territori, alle loro amministrazioni, il compito di programmare una gestione integrata dei rifiuti. Soprattutto non è più il tempo dei maxi impianti, che devono ricevere tutta la spazzatura della provincia, come accade allo Stir.
  • La seconda questione che evidenzio è che si deve pensare al ciclo dei rifiuti come ad un ciclo industriale basato da un lato sulla differenziata e dall’altro su impianti moderni ed efficienti , capaci di trasformare la parte finale , non riciclabile dei rifiuti, in ricchezza con una di distribuzione degli impianti nell’intero territorio.

Spero che la regione Campania ascolti l’allarme dei cittadini di Battipaglia, ma anche di Eboli e degli altri comuni presenti. Questo territorio è penalizzato non solo perché destinatario di discariche ed impianti.

La verità è che è penalizzato perché ci si ricorda di quest’aerea soltanto quando si tratta di mandarci l’immondizia.

Non se ne ricordano quando si tratta di destinare risorse importanti per infrastrutture o per i grandi eventi culturali.

Queste cose vanno altrove, qui arrivano le briciole, i contentini.

Io auspico che le amministrazioni, insieme, facciano sentire la propria voce ed il peso delle loro popolazioni, non solo per dire no, come è giusto, al trasferimento dell’immondizia, ma anche per pretendere investimenti, occasioni di sviluppo e di crescita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *