Rifiuti, carabinieri in azione al Comune di Amalfi

Sono stati i carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) quelli che, su disposizione della Procura della Repubblica di Salerno, hanno richiesto gli atti relativi all’appalto della gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti del Comune di Amalfi

AMALFI. Sono stati i carabinieri del Noe (Nucleo Operativo Ecologico) quelli che, su disposizione della Procura della Repubblica di Salerno, hanno richiesto gli atti relativi all’appalto della gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti del Comune di Amalfi.

Ed hanno così acquisito, presso gli uffici comunali di segreteria e del responsabile dell’ufficio “Igiene e Sanità”,  gran parte della documentazione.

Il blitz

Nell’esposto – riporta Il Vescovado – veniva segnalato il mancato rispetto di alcune norme del Capitolato di appalto da parte della ditta che da anni gestisce il servizio, ovvero la mancanza di locali adibiti a spogliatoi, bagni, docce lavandini per i 35 operai ecologici, locali deposito per il ricovero degli automezzi, che vengono messi in sosta lungo il tratto di via della Frazione Tovere di Amalfi.

Al vaglio degli inquirenti anche le assunzioni del personale. L’indagine è scattata a seguito di un esposto presentato alcuni mesi fa al Procuratore della Repubblica di Salerno dall’associazione “Mani Pulite”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *