La Regione Campania assume: 10mila nuovi posti di lavoro

La giunta campana ha approvato la delibera che bandisce un maxi concorso nell'ambito del Piano per il Lavoro nel settore pubblico

La giunta campana ha approvato la delibera che bandisce un maxi concorso nell’ambito del Piano per il Lavoro nel settore pubblico della Regione Campania.

10mila assunzioni in programma da regolarizzare entro due anni presso la regione stessa e gli enti locali campani a fronte dei prossimi pensionamenti.

Il bando

Il bando del concorso unico territoriale per le amministrazioni della Campania prevederà dei corsi/concorsi su base regionale per diversi profili professionali.

Per ogni profilo professionale verrà stilata un’unica graduatoria.

L’obiettivo del progetto è quello di selezionare, formare e qualificare, con le modalità del corso-concorso, 10 mila potenziali dipendenti pubblici per garantire un turnover efficace ed efficiente.

C’è poi la volontà di innalzare la qualità dei dipendenti pubblici stessi attraverso la progressiva immissione in ruolo di risorse capaci, formate sulle competenze necessarie a supportare processi di sviluppo locale sostenibile, coerenti con gli obiettivi comunitari e nazionali.

Prima delle selezioni, la Regione Campania, supportata da FormezPA, provvederà ad individuare i suoi fabbisogni assunzionali e quelli dei propri enti locali. Sarà così possibile quantificare il numero dei posti da mettere a bando per i singoli profili concorsuali.

Le fasi del concorso

Il concorso vero e proprio sarà articolato in preselezione, selezione, formazione e tirocini.

La fase preselettiva, organizzata in caso di un elevato numero di candidati, sarà differenziata per i diversi profili messi a concorso. Si tratterà, essenzialmente, della somministrazione di test a risposta multipla.

La fase di selezione si articolerà in due prove scritte e di una orale. Anche in questo caso, le prove saranno differenti a seconda della figura professionale ricercata.

Tutti coloro che supereranno le prove con un punteggio totale minimo di 21/30 saranno ammessi alla fase di formazione e tirocinio. Questa sarà supportata dall’erogazione di borse di studio da parte della Regione Campania per tutti i 10 mila ammessi.

La partecipazione al percorso formativo e al periodo di stage sono obbligatori e propedeutici all’ammissione alla prova finale. Infine quest’ultima porterà alla stesura delle graduatorie finali da cui le amministrazioni campane attingeranno.

Fonte Salernonotizie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *