Ravello, principio d’incendio bus Sita

RAVELLO. È esploso, ieri sera, il panico a Castiglione, frazione di Ravello, quando si è verificato un principio d’incendio nel vano motore di un autobus Sita, lungo la tratta Ravello-Amalfi. Durante la marcia, l’autista avverte odore di bruciato. Accosta il mezzo e si accorge che la rottura di una turbina stava per provocare un incendio […]

RAVELLO. È esploso, ieri sera, il panico a Castiglione, frazione di Ravello, quando si è verificato un principio d’incendio nel vano motore di un autobus Sita, lungo la tratta Ravello-Amalfi. Durante la marcia, l’autista avverte odore di bruciato. Accosta il mezzo e si accorge che la rottura di una turbina stava per provocare un incendio che si sarebbe potuto tramutare in tragedia. L’intervento dello stesso autista, aiutato da un collega, ha permesso alla ventina di passeggeri a bordo di scendere dal mezzo. In seguito, l’autista ha abilmente individuato il punto di origine delle fiamme stroncandole sul nascere. I passeggeri sono stati condotti ad Amalfi dall’autobus proveniente da Scala, mentre una squadra di meccanici e personale Sita è intervenuta per verificare le condizioni del vecchio bus che, probabilmente, sarà dismesso. Ancora una volta, la causa dell’accaduto va rintracciata nelle condizioni precarie dei mezzi messi a disposizione dall’azienda di trasporto che pare interessarsi al problema sempre e solo in casi di estrema necessità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *