PROVINCIALI 2014: Giovanni Romano esempio di ottima amministrazione

SALERNO. Alla vigilia delle imminenti elezioni provinciali, le prime di secondo livello nella storia repubblicana, il Coordinamento Provinciale di Gioventù Nazionale Salerno (movimento giovanile di FdI-An) unitamente ai giovani consiglieri comunali, esprime il proprio appoggio e sostegno alla candidatura a Presidente della Provincia di Salerno di Giovanni Romano, sindaco di Mercato San Severino. Il sindaco […]

SALERNO. Alla vigilia delle imminenti elezioni provinciali, le prime di secondo livello nella storia repubblicana, il Coordinamento Provinciale di Gioventù Nazionale Salerno (movimento giovanile di FdI-An) unitamente ai giovani consiglieri comunali, esprime il proprio appoggio e sostegno alla candidatura a Presidente della Provincia di Salerno di Giovanni Romano, sindaco di Mercato San Severino. Il sindaco Romano, nel corso degli anni, si è distinto per un ottima capacità amministrativa, prima da sindaco, poi da assessore provinciale e regionale, risolvendo gli innumerevoli problemi legati all’ambiente campano e facendo diventare la città di Mercato San Severino il fiore all’occhiello della Valle dell’Irno. La sua storia politica lo contraddistingue e fa di egli uno dei migliori amministratori della destra salernitana: dalla sua prima elezione a consigliere comunale di minoranza della sua città (unico eletto del Msi), è riuscito con la sua tenacia ad affermarsi nel panorama politico ed amministrativo provinciale, regionale e nazionale (sono infatti note le sue lezioni alla Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno). È importante continuare l’opera amministrativa del centrodestra unito nella Provincia di Salerno: l’ultima amministrazione provinciale, guidata dall’attuale presidente Antonio Iannone, è stata l’unica a pagare tutti i debiti dell’ente, ben 54 milioni di euro, senza creare nessun dissesto finanziario dell’ente, ereditati dalle precedenti amministrazioni di centrosinistra che hanno sempre sperperato denaro pubblico effettuando clientele e favoritismi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *