Il Profagri di Salerno scuola capofila di ‘Puliamo il Mondo’

SALERNO. Torna Puliamo il Mondo, l’edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo organizzato in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai, che quest’anno, per la sua ventiduesima edizione campana, vedrà come scuola capofila del progetto il Profafri di Salerno! Il primo appuntamento a Salerno è […]

SALERNO. Torna Puliamo il Mondo, l’edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo organizzato in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai, che quest’anno, per la sua ventiduesima edizione campana, vedrà come scuola capofila del progetto il Profafri di Salerno!
Il primo appuntamento a Salerno è fissato per la mattina di venerdì 26 settembre presso la sede centrale dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura in via delle Calabrie, località Lamia.
Nel week-end dal 26 al 28 settembre, infatti i volontari dell’ambiente scenderanno in campo contro il degrado urbano e rurale sia a livello nazionale sia a livello locale. In Campania saranno più di cento le aree che verranno ripulite da oltre 10.000 volontari: da Salerno a Paestum, dall’Agro nocerino al Vallo del Diano al litorale ebolitano, in collaborazione con le aziende della Green Economy e della produzione agricola di qualità.
Legambiente infatti in questa edizione di Puliamo il Mondo punta alla valorizzazione e promozione dell’agricoltura come un prezioso alleato per affrontare le grave crisi ambientale e creare un’economia sostenibile. Coltivare il cambiamento attraverso l’agricoltura biologica, l’agricoltura sociale, e in genere le mille forme di agricoltura legate alle vocazioni dei territori. In questa ottica si inserisce la partecipazione all’evento dell’Istituto Professionale per l’Agricoltura di Salerno il Profagri l’unico Istituto di Istruzione Superiore in tutta Campania che si occupa esclusivamente di Agricoltura.
Durante la mattinata gli alunni, con i kit utili per la raccolta dei rifiuti forniti direttamente da Legambiente, “armati di guanti e ramazza” e supportati da docenti e volontari, saranno impegnati nella pulizia del parcheggio, nella piantumazioni di piante e fiori nei cortili e nella risistemazione di tutta la zona antistante la scuola. Vero momento di educazione alla cittadinanza attiva stimolante per gli studenti ed utile per “far sentire la propria voce” sensibilizzando le amministrazioni competenti sulle eventuali carenze e necessità di intervento negli edifici scolastici. L’idea comune che muove il Profagri e Legambiente Campania è quella di una scuola sostenibile che si concretizza nell’opportunità di utilizzare parte dei terreni incolti dell’Istituto per progetti di agricoltura sociale e urbana, coinvolgendo non solo coloro che ruotano attorno alle attività della scuola, ma gli enti locali e la cittadinanza tutta.
Alla iniziativa saranno presenti varie autorità e rappresentanze di enti e associazioni. Fra gli altri l’Assessore all’ Ambiente del Comune di Salerno Gerardo Calabrese e lo stesso Michele Buonomo, Presidente regionale di Legambiente.
«Per noi è motivo di orgoglio ospitare questa manifestazione di Legambiente e la presenza del Profagri, in questa e in altre occasioni del genere come il Nontiscordardime- Operazione scuole pulite, dello scorso marzo, sta a dimostrare quanto per noi le tematiche dell’Agricoltura siano legate a doppio filo con quelle ambientali e della difesa del nostro territorio. La nostra scuola, del resto, ha sposato da tempo l’agricoltura biologica e mostra una costante attenzione al rispetto dell’ambiente».
Queste le dichiarazione del dirigente scolastico del Profagri, Alessandro Turchi, a cui fanno immediatamente seguito quelle del presidente di Legambiente Campania, Michele Buonomo :«L’iniziativa è una delle tante intraprese con quest’Istituto, che rappresenta un fiore all’occhiello del nostro territorio, uno dei licei della contemporaneità che vorremmo fossero sempre più presenti, diffusi e frequentati».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *