Presentazione 2^ Biennale d’Arte. De Luca: «L’Italia è condannata a contemplare il Colosseo»

SALERNO. «L’Italia è un Paese condannato a contemplare il Colosseo: quando l’hai visto una, due o tre volte, non se ne può più». Queste le parole pronunciate dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, a Palazzo di Città, in occasione della presentazione della seconda edizione della Biennale d’Arte, di un evento, quindi, focalizzato su architettura […]

SALERNO. «L’Italia è un Paese condannato a contemplare il Colosseo: quando l’hai visto una, due o tre volte, non se ne può più». Queste le parole pronunciate dal sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, a Palazzo di Città, in occasione della presentazione della seconda edizione della Biennale d’Arte, di un evento, quindi, focalizzato su architettura e arte. «Vorrei che Salerno diventasse come Salisburgo o Copenaghen, in cui puoi trovare un inceneritore con le piste da sci sopra e i vapori d’arte che escono e grazie a un gioco di led proiettano fumi d’artista in cielo» ha aggiunto. Ha, inoltre, rivelato che questa edizione avrà il diritto all’infanzia come tema portante, alla luce dell’attiva partecipazione delle scuole all’edizione precedente. All’incontro hanno preso parte Cecilia Sica, storica dell’arte e componente della Direzione artistica di Editalia – Gruppo Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato – Angelo Calabrese, storico e critico letterario e dell’arte, Olga Marciano e Giuseppe Gorga, ideatori e curatori della Biennale. Nell’occasione è stata presentata l’opera “La Fata guardiana” di Giosetta Fioroni, madrina della seconda edizione della Biennale, a cura di Editalia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *