Premio Furore di Giornalismo, ecco i premiati

FURORE. E’ partito nel 1996, ha saltato il 1997 e, pertanto, arriva quest’anno alla diciottesima edizione il Premio Furore di Giornalismo, che da alcuni anni si fregia dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. La cerimonia di consegna dei premi consistenti in una targa artistica, ideato dall’orafa Serena Canova, di Bassano del Grappa e in un […]

FURORE. E’ partito nel 1996, ha saltato il 1997 e, pertanto, arriva quest’anno alla diciottesima edizione il Premio Furore di Giornalismo, che da alcuni anni si fregia dell’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. La cerimonia di consegna dei premi consistenti in una targa artistica, ideato dall’orafa Serena Canova, di Bassano del Grappa e in un soggiorno a Furore offerto dagli operatori turistici del Paese Albergo, si svolgerà questo pomeriggio presso la Sala Federico Fellini del Comune di Furore, con inizio alle ore 18.00. E’ questo, in anteprima, l’elenco dei premiandi, in rigoroso ordine alfabetico:

PIER BERGONZI, per la Sezione Quotidiani Sportivi, vicedirettore della Gazzetta dello Sport, con la passione per il buon cibo e il vino, sommelier, membro della giuria del BIWA e ideatore della rubrica Gazza Golosa sui saperi e i sapori della vita;
NINO D’ANTONIO, alla carriera, giornalista e scrittore, critico d’arte, esperto di enogastronomia, già docente universitario di Letteratura Italiana e autore di oltre trenta libri; napoletano verace, giramondo impenitente, scapolo (da ex capula, senza cappio) per vocazione, cittadino onorario di Furore;
FEDE e TINTO, ovvero Federico Quaranta e Nicola Prudente, Sezione Emittenti Radiofoniche Nazionali, ligure l’uno, pugliese l’altro, conduttori da oltre dieci anni di Decanter su RAI RADIO 2 e autori di un bestseller edito dalla RAI-ERI: “Sommelier… ma non troppo”, già in ristampa;
LUCIANO FERRARO, Sezione Quotidiani Nazionali, redattore capo delle Cronache Italiane del Corriere della Sera, firma di punta del giornalismo enologico italiano, autore di numerose guide, miglior giornalista al Premio Grandi Cru d’Italia, grande estimatore di Luigi Veronelli;
MONICA PISCITELLI, Sezione Giornali on-line, giornalista, autrice del blog “Campania che vai”, laureata in Economia e Commercio all’Università Federico ll di Napoli, autrice della Guida alle Pizzerie di Napoli e della Campania, esperta di comunicazione integrata, consulente di enogastronomia;
GEPPI RIPPA, Sezione Stampa Politica, giornalista e politico, cofondatore della sede di Napoli di Radio Radicale, già Deputato e Segretario del Partito, dirige attualmente Quaderni Radicali ed il suo supplemento telematico Agenzia Radicale.
ANDREA SIANO, Sezione Emittenti Televisive Regionali, giornalista professionista, redattore di LIRA TV, sposato con due figlie, laureato in Scienze della Comunicazione, conduttore della trasmissione “Salerno parla”, in onda da oltre dieci anni, insegna all’Università Roma Tre Storia della Radio e della Televisione;
MARCO TONELLI, Sezione Settimanali illustrati Nazionali, bolognese, redattore de L’Espresso, collaboratore di numerose riviste di prestigio, esperto di enogastronomia, autore di numerosi libri e guide, ha vinto nel 2013 il campionato italiano degli Habanos Sommelier, svoltosi a Cuba. Per tutti la seguente motivazione: ”Per aver contribuito a promuovere Furore, paese albergo, quale realtà emergente della Costa d’Amalfi”.
Hanno annunciato la loro partecipazione Luca Gardini, campione mondiale dei sommelier , Giuseppe Simone, affermato giornalista-enogastronomo e tanti altri”amici” di Furore. Condurranno la serata Daniela Bruzzone della RAI e Emiliano Amato, direttore de ll Vescovado, entrambi premiati negli anni scorsi. Nel corso della cerimonia saranno presentate alla stampa alcuni interessanti iniziative di rilancio turistico di Furore: La Balconata Furitana (Itinerario turistico-culturale integrato), Il mare negato (Progetto di collegamento con impianto a fune Furore-Fiordo), La costruzione del paesaggio (Piano dell’Immagine Panoramica).

Raffaele Ferraioli, Sindaco di Furore, ideatore del Premio con Nino d’Antonio, cittadino onorario del “Paese con che non c’è”, ha rilasciato la seguente dichiarazione: «Questo evento, ormai diventato un punto fermo nel nostro programma di manifestazioni che, come tutti sanno. va sotto il titolo de “I giorni della Cicala”, comprendendo “Marmeeting” – Tuffi dalle grandi altezze al Fiordo, “Muri in cerca d’autore” – Rassegna di pittura murale e, da quest’anno, il “Gran Furor Aquatrail”, nonché “Furore a scena aperta” – Kermesse musicale e teatrale, ci offre un’occasione preziosa: ringraziare tutti quelli che si sono adoperati e si adoperano per promuovere lo sviluppo sociale, economico e culturale del nostro paese, sia pure da postazioni differenti. I tuffatori, i maratoneti, gli attori, i musicisti, i cantanti, i pittori e gli scultori e tutto il popolo dei protagonisti della nostra Estate. Gli sponsor, gli organizzatori, i tecnici, i cittadini che collaborano e offrono la loro opera spesso in maniera volontaria e gratuita. Gli operatori turistici, che mettono a disposizione le loro strutture e forniscono i loro servizi per consentire lo svolgimento delle manifestazioni a costi possibili per il nostro Comune. Infine, consentitemi, voglio ringraziare con particolare senso di riconoscenza, i giornalisti, che illustrano, descrivono. presentano, raccontano al grande pubblico la nostra realtà emergente. E’ questo il momento giusto per dire grazie di cuore a tutti, con una raccomandazione: Non lasciateci soli in questo nostro sforzo, non sempre facile, non sempre compreso».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *