Pontecagnano Faiano: Isabella Mangino lascia il gruppo di Fratelli d’Italia

La consigliera comunale Isabella Mangino lascia il gruppo di Fratelli d'Italia e si dichiara indipendente rimanendo comunque all'opposizione

isabella_mangino

PONTECAGNANO FAIANO. La consigliera comunale Isabella Mangino lascia il gruppo di Fratelli d’Italia e, come annunciato nel consiglio del 29 gennaio, si dichiara indipendente rimanendo comunque all’opposizione.

Isabella Mangino lascia il gruppo di Fratelli d’Italia al consiglio comunale di Pontecagnano Faiano

Una lunga nota per motivare la sua scelta di fuoriuscire dal gruppo consiliare del partito che fa capo a Giorgia Meloni. Qui di seguito il testo integrale:

Ritengo che sia maturato il tempo per definire il percorso di riflessione che mi ha portato a prendere le distanze dal partito Fratelli D’Italia, nelle cui liste sono stata eletta. Lo devo ai miei elettori innanzitutto ed ai miei amici che mi hanno fortemente sostenuto.

Chi fa politica oggi, ognuno per la propria parte e la propria responsabilità, ha il dovere politico di dare una risposta originale alle questioni aperte. Occorre reagire e rispondere con forme nuove del fare politica: ricordando il “patto” fatto con i miei elettori e facendo degli impegni assunti in campagna elettorale la “stella polare” del nostro comportamento.

In coerenza con tali impegni prima di lasciare Fdi  ho posto all’attenzione del primo cittadino uno dei punti programmatici della campagna elettorale: il potenziamento della Polizia Municipale.

La decisione di aderire al progetto Fdi  è stata per me una scelta di cuore. Ho creduto in un progetto politico che servisse a rilanciare Pontecagnano Faiano senza personalismi, senza individualismi e senza provvedimenti ad personam. Mi sono resa conto purtroppo che così non era.

Ecco perché ho lasciato Fratelli D’Italia: l’essermi dichiarata indipendente è, a mio parere, la maniera più vera di rappresentare i miei elettori, perché solo grazie ai loro voti e non a quelli del partito (in grassetto), Fratelli D’Italia è stato presente all’interno dell’assise comunale.

Di fronte a questo stato di cose in coerenza con le idee nelle quali ho creduto e con le opinioni che ho manifestato  e per non tradire i miei elettori, ho ritenuto politicamente corretto assumere la collocazione di consigliere comunale indipendente restando sempre tra le file dell’opposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *