Il ponte sulla tangenziale di Salerno fa paura. Avvocato scrive agli enti competenti

I residenti, inizialmente hanno sollecitato un po’ tutte le autorità con telefonate di denuncia dell’episodio. L’acqua però ha continuato a scorrere

SALERNO. Il ponte sulla tangenziale di Salerno fa paura. Apprensione per il ponte che da Viale degli Eucalipti porta all’innesto della Tangenziale di Salerno. Da oltre tre mesi alcuni cittadini hanno notato e denunciato una cospicua perdita d’acqua all’altezza dell’uscita di Sala Abbagnano.

I residenti, inizialmente hanno sollecitato un po’ tutte le autorità con telefonate di denuncia dell’episodio. L’acqua però ha continuato a scorrere ed anche la paura visto che le sollecitazioni pare siano cadute nel vuoto. Poi si è passati alle e-mail.

Dai Vigili urbani ai Vigili del Fuoco, passando per la Protezione Civile fino ad arrivare addirittura alla Salerno Sistemi. A quanto pare, però, le uniche risposte sono arrivate da chi si diceva privo di competenza. L’acqua che perde non è potabile.

La lettera dell’avvocato

Ecco la lettera denuncia dell’avvocato Carlo Correra, inviata a tutti gli enti competenti.

Facendo seguito alle ripetute segnalazioni email e telefoniche e constatando che a tutt’oggi il problema delle infiltrazioni d’acqua nel pilastro di sostegno del cavalcavia di viale degli Eucalipti – Sala Abbagnano sovrastante l’uscita Sala Abbagnano della Tangenziale di Salerno si presenta ancora persistente con presumibile ulteriore aggravamento della situazione di pericolo ad esso collegata si chiede a codesti Enti, ciascuno per la Sua competenza, di voler provvedere al più presto onde scongiurare prevedibili danni per la incolumità delle persone che transitano quotidianamente sopra e sotto il viadotto medesimo operando anche le opportune verifiche.

Il sottoscritto qualora il fenomeno dovesse perdurare senza alcun intervento di codeste Autorità anche nelle prossime ore si vedrà costretto a rivolgersi alla Procura della Repubblica per quanto di sua competenza.

Avv. Carlo Correra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *