Polla, vietato il panino nella mensa scolastica: riunione d’urgenza

POLLA. Il sindaco di Polla è stato costretto a convocare una riunione d’urgenza, a causa delle polemiche sorte in seguito al divieto di far consumare agli alunni dell’istituto per l’infanzia “Cappuccini “di Polla il panino nella sala mensa. La responsabile del servizio refezione, Pasqualina Salluzzi, sostiene che, per una questione di etica alimentare, i bambini […]

POLLA. Il sindaco di Polla è stato costretto a convocare una riunione d’urgenza, a causa delle polemiche sorte in seguito al divieto di far consumare agli alunni dell’istituto per l’infanzia “Cappuccini “di Polla il panino nella sala mensa. La responsabile del servizio refezione, Pasqualina Salluzzi, sostiene che, per una questione di etica alimentare, i bambini debbano attenersi al menù previsto per la giornata. Il sindaco ha, dunque, deciso di incontrare il dirigente scolastico, il responsabile del servizio mensa e la ditta appaltante. La causa ultima e scatenante sarebbe da ricondurre alle segnalazioni di alcuni insegnanti, in relazione alla ridotta quantità delle porzioni dei pasti per gli studenti. Hanno, quindi, preso parte alla riunione il preside Elio Cantelmi, Pasqualina Salluzzi e Antonio Monzillo, dirigente della ditta che si occupa della mensa, secondo il quale le porzioni sarebbero rispettate. Riguardo alla consumazione dei panini in aula mensa, il preside sostiene che questa sia il luogo adatto dove i bambini che portano la merenda da casa possano mangiare, dal momento che la scuola non ha personale adeguato per effettuare la sorveglianza in un altro locale. Il responsabile della ditta, però, ribatte precisando che la Lucana Servizi, autorizzata dall’Asl perché i locali vengano utilizzati come refettorio, è responsabile di ciò che avviene nella sala e che i ragazzi che consumano il panino non possono utilizzare il locale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *