La piccola Lua si calma con Perfect di Bocelli. Risponde la moglie dell’artista

La piccola Lua, di soli 5 anni, è effetta da una malattia rara, la Sindrome di Rett, ma calma le crisi ascoltando Perfect di Bocelli e Ed Sheeran

SALA CONSILINA. La piccola Lua, di soli 5 anni, è effetta da una malattia rara, la Sindrome di Rett, una grave patologia progressiva dello sviluppo neurologico che colpisce quasi esclusivamente le bambine. Ma grazie alle note di Perfect, canzone interpretata da Andrea Bocelli ed Ed Sheeran, la piccola riesce a calmarsi dalle crisi.

La piccola Lua si calma con Perfect di Bocelli e Sheeran

Lua si trova in ospedale, in preda a una crisi. La mamma Agnese, sempre al suo fianco, le fa ascoltare “Perfect”, canzone di Bocelli e di Ed Sheeran. La piccola si tranquillizza e si calma. Una “magia”: Lua sorride e agita le manine, gli occhi brillano e lasciano trasparire le sue emozioni. Il dottore De Felice, che segue la piccola in questo percorso fatto di difficoltà e di sorprese, non esita a registrare quel momento e a far arrivare il video alla famiglia di Andrea Bocelli.

Risponde la moglie di Bocelli

“Ci hai fatto un regalo importante, inoltrandoci il video di Lua, permettendoci di conoscere, seppure non di persona ma attraverso il suo sguardo e il suo sorriso, questa meravigliosa bambina”, inizia con queste parole la lettera scritta da Veronica Berti Bocelli, moglie di Andrea Bocelli. La famiglia del tenore italiano, ha risposto, infatti, con una lettera alle immagini di Lua.

«Ho raccontato il contenuto del video ad Andrea. Lua è davvero un angelo. Speriamo, anzi siamo certi che il mondo che sta dietro i suoi occhi sia bello, assai più del nostro. Fa impressione e tenerezza vedere degli scorci della nostra casa sul cuscino di Lua, mentre Andrea e Ed cantano “Perfect”. Vorremmo dire alla mamma di Lua, che sua figlia è perfetta, proprio come il titolo della canzone che faceva danzare il suo universo interiore. Perfetta perché comprende appieno un linguaggio altro, rispetto a quello verbale che va oltre le codifiche di un suono che rimanda a un significato».

La lettera si conclude con un abbraccio “trasmesso” da Andrea e sua moglie alla piccola Lua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *