Pastificio Amato, Luca Cordero di Montezemolo voleva acquistare l’azienda

SALERNO. Emergono nuovi ed importanti retroscena circa la vicenda del crac del pastificio Amato. Poco prima del fallimento, infatti, l’azienda stava per essere acquistata dal noto gruppo imprenditoriale che fa capo a Luca Cordero di Montezemolo. La trattativa fallì perché la famiglia Amato non inviò agli imprenditori i documenti contabili necessari per la verifica. Secondo […]

SALERNO. Emergono nuovi ed importanti retroscena circa la vicenda del crac del pastificio Amato. Poco prima del fallimento, infatti, l’azienda stava per essere acquistata dal noto gruppo imprenditoriale che fa capo a Luca Cordero di Montezemolo. La trattativa fallì perché la famiglia Amato non inviò agli imprenditori i documenti contabili necessari per la verifica. Secondo quanto riferito dal commercialista Massimiliano Di Domenico durante la deposizione al processo, la mancata fornitura dei documenti è collegabile alla manipolazione dei bilanci dal momento che il pastificio era già sull’orlo del fallimento.
Altri possibili acquirenti erano i gruppi Garofalo e Collussi, oltre s dei banchieri spagnoli e al gruppo Montezemolo. Ma, anche in questo caso, i possibili compratori chiesero di poter controllare documenti contabili che non furono mai consegnati e la trattativa si concluse con un nulla di fatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *