Parole d’odio e bufale, è allarme: l’Italia va verso l’assuefazione

Diminuisce significativamente nel 2018 il livello di allarme dei cittadini sull'hate speech: a essere preoccupato è il 53% della cittadinanza

Diminuisce significativamente nel 2018 il livello di allarme e di attenzione dei cittadini sull’hate speech: a essere preoccupato per la deriva che ha preso il linguaggio, in rete e non solo, è il 53% della cittadinanza, contro il 70% del 2017.

Cala l’allarme su fake news e parole ostili

Cala anche l’allarme sulle fake news, ma in maniera più ridotta: a essere preoccupato è il 59% dei cittadini contro il 65% di un anno fa. È una tendenza all’assuefazione, con un conseguente calo di attenzione di massa e della consapevolezza, nei confronti di hate speech e fake news quella che emerge da un’indagine condotta da Swg su mille cittadini e presentata oggi in occasione della seconda edizione di “Parole O_stili” in corso a Trieste. Lo riporta l’AnsaCONTINUA A LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *