Seminò il panico sparando a Cava e nell’Agro: chiede il patteggiamento

A maggio scorso sparò all'impazzata a Cava de' Tirreni, Sarno, Pagani e Nocera Inferiore. Il 27enne protagonista della vicenda ha chiesto il patteggiamento

NOCERA INFERIORE. Seminò il panico per alcuni giorni, a maggio scorso, sparando all’impazzata a Cava de’ Tirreni, Sarno, Pagani e Nocera Inferiore e fu arrestato da Carabinieri e Polizia. Il 27enne protagonista della vicenda ha chiesto il patteggiamento.

Tre giorni di panico nella provincia nord di Salerno

Nel giro di pochi giorni L.C. – queste le sue iniziali – colpì a Cava de’ Tirreni, Sarno, Pagani e Nocera Inferiore. Girando in auto, sceglieva a caso i suoi obiettivi e sparava all’indirizzo di esercizi commerciali. A Cava rimase ferita una 21enne in piazza Abbro, a Nocera Inferiore i proiettili raggiunsero un uomo di 66 anni davanti a un noto bar di via Garibaldi.

La pistola utilizzata era di proprietà del fratello: la prese da una cassaforte, dopo aver fatto di nascosto copia delle chiavi. A Pagani mandò in frantumi i vetri di una Smart parcheggiata all’esterno di un ristorante; a Sarno sparò verso un bar; a Nocera Inferiore danneggiò la vetrina di un negozio di abbigliamento in via Marconi, dopo aver ferito il pensionato all’esterno del bar.

Le scorribande terminarono la sera del 23 maggio, quando fu arrestato a casa da Carabinieri e Polizia e condotto al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Nocera Inferiore. Le forze dell’ordine riuscirono a risalire al 27enne nocerino grazie alle segnalazioni relative alla sua auto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *