Panico nel salernitano, deve operare ma non è rintracciabile: intervengono i carabinieri

Il medico si era trovato nella condizione di operare, ma doveva chiamare un collega, che sarebbe dovuto essere presente per l'operazione

NOCERA INFERIORE. È avvenuto alcuni giorni fa un episodio dalle dinamiche misteriose all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore.

Da una lettera protocollata alla direzione da un neurochirurgo dell’Umberto I, a Nocera Inferiore, è emerso che giorni fa è risultato impossibile, al medico, rintracciare il proprio collega per un turno di reperibilità.

Tanto da chiamare i carabinieri.

L’intervento risolutivo

Il medico, come riporta Salerno Sanità, si era trovato nella condizione di operare, ma doveva chiamare un collega, che sarebbe dovuto essere presente per l’operazione.

Il collega, però, aveva il telefono spento, muto o in una zona senza linea, non è ancora chiaro, allora scatta la chiamata ai carabinieri.

E i militari del reparto territoriale intervengono e riescono a raggiungerlo presso il suo domicilio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *