Pagani. Dopo l’ordigno parla il sindaco Bottone

“Combattere per debellare l’illegalità, in qualsiasi forma essa si presenti. Questo è il principale impegno che muove l’azione amministrativa”, così il sindaco di Pagani Salvatore Bottone, a poche ore dall’esplosione di un ordigno all’interno di un cantiere edile in via Guerritore. Un episodio che ha suscitato sconcerto e che desta preoccupazione. Un chiaro atto intimiditorio […]

“Combattere per debellare l’illegalità, in qualsiasi forma essa si presenti. Questo è il principale impegno che muove l’azione amministrativa”, così il sindaco di Pagani Salvatore Bottone, a poche ore dall’esplosione di un ordigno all’interno di un cantiere edile in via Guerritore. Un episodio che ha suscitato sconcerto e che desta preoccupazione. Un chiaro atto intimiditorio quello messo a segno intorno alle 2. Un violento boato ha turbato il sonno dei paganesi, risvegliati dall’esplosione che ha provocato danni per poche migliaia di euro a uno dei fabbricati per civili abitazioni in costruzione.

“L’esplosione dell’ordigno di questa notte, verificatosi presso un cantiere della città, non deve in alcun modo destabilizzare il lavoro di quanti, quotidianamente, si impegnano nel rilancio di Pagani – ha continuato Bottone -. Intanto, sicuro dell’ottimo lavoro che le Forze dell’Ordine effettueranno per assicurare alla giustizia i responsabili di tale azione, ribadisco l’importanza di un maggiore presidio del territorio. Io stesso ho chiesto sia alla Prefettura sia al Comandante Territoriale dei Carabinieri una più incisiva presenza di corpi preposti al controllo anche a causa della presenza di numerosi extra comunitari e persone senza fissa dimora. Pagani non merita la cronaca nera. A Pagani c’è una realtà fatta di persone per bene che giorno dopo giorno si rimbocca le maniche per dare lustro alla città”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *