Ospedali di Polla e Sapri: dal 2019 stop alle nascite

Nella provincia Sud di Salerno, resterà aperto solo il reparto di ostetricia e ginecologia dell'ospedale di Vallo della Lucania e cliniche private

neonato bimbi nascite

Stop alle nascite negli ospedali di Polla e Sapri dal 2019. La Regione Campania ha proposto la disattivazione dei punti nascita nei due ospedali della provincia di Salerno e a Piedimonte con decorrenza dal primo gennaio 2019. I posti letto di ostetricia e ginecologia di tali presidi saranno riprogrammati in altra disciplina.

Polla e Sapri: stop alle nascite

La decisione è stata presa previo parere della Comitato Nazionale che si è espressa negativamente nonostante le sollecitazioni di Regione e Asl. Non accettata la deroga per le strutture con meno di 500 parti l’anno.

Nella provincia Sud di Salerno, resterà aperto solo il reparto di ostetricia e ginecologia dell’ospedale di Vallo della Lucania. Oltre, ovviamente, alle cliniche private. Che da tale provvedimento potrebbero trarre giovamento.

Il commento del sindaco di Sapri: «l’ospedale non si tocca»

Non si è fatto attendere il commento del sindaco di Sapri, Antonio Gentile. «L’ospedale di Sapri non si tocca, il governo del cambiamento vuole la guerra? Continueremo a lottare fino alla fine al fianco della Regione per ottenere la deroga come sede disagiata», ha detto il primo cittadino.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *