Omicidio Vibonati: la mamma e la sorella di Pierangela chiedono l’ergastolo per Pili

VIBONATI. Il caso è, ormai, chiuso: Alessandro Pili è rinchiuso nel carcere di Sala Consilina, l’arresto è stato convalidato e l’omicida è stato ascoltato più volte dagli inquirenti. Ciò non basta, però, a tranquillizzare la madre e la sorella di Pierangela Gareffa. Le due donne temono, infatti, che Pili possa tornare in libertà e, quindi, […]

VIBONATI. Il caso è, ormai, chiuso: Alessandro Pili è rinchiuso nel carcere di Sala Consilina, l’arresto è stato convalidato e l’omicida è stato ascoltato più volte dagli inquirenti. Ciò non basta, però, a tranquillizzare la madre e la sorella di Pierangela Gareffa. Le due donne temono, infatti, che Pili possa tornare in libertà e, quindi, hanno chiesto l’ergastolo. Il legale di famiglia, Giovanni Falci, ha chiesto agli inquirenti di approndire sul caso. Come riporta il Mattino, pare che Falci sia in possesso di elementi che potrebbero aggravare ulteriormente la posizione dell’assassino. Intanto gli investigatori della procura di Lagonegro sono tornati all’interno dell’abitazione per un nuovo sopralluogo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *