Omicidio Vassallo: parla l’avvocato Michele Sarno

SALERNO. Ieri mattina, l’avvocato di Bruno Damiani, Michele Sarno, ha convocato una conferenza stampa per chiarire la posizione del suo assistito, in merito all’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo. Il legale ha dichiarato che Damiani non ha mai incontrato il primo cittadino cilentano, ma ammette che ne conosceva la figlia, perché fidanzata di un […]

Mattarella

SALERNO. Ieri mattina, l’avvocato di Bruno Damiani, Michele Sarno, ha convocato una conferenza stampa per chiarire la posizione del suo assistito, in merito all’omicidio del sindaco di Pollica, Angelo Vassallo. Il legale ha dichiarato che Damiani non ha mai incontrato il primo cittadino cilentano, ma ammette che ne conosceva la figlia, perché fidanzata di un suo amico fraterno. Damiani è attualmente rinchiuso nel carcere di Bogotà, in Colombia, dove è stato interrogato dagli inquirenti della Procura di Salerno.

Sarno chiede l’intervento del governo italiano per l’estradizione del proprio assistito, esprimendosi in questi termini: «Non è possibile immaginare che un cittadino italiano, detenuto all’estero sulla base di un ordine di arresto internazionale, dopo 10 mesi, ancora non venga estradato».

Damiani, è stato arrestato, infatti, lo scorso febbraio presso l’aeroporto di Bogotà, per effetto di un mandato di cattura internazionale emesso dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Salerno il 26 giugno del 2011. Sospettato fin dall’inizio di essere coinvolto nell’omicidio del sindaco Vassallo, i magistrati della Dda di Salerno ne hanno subito chiesto l’estradizione, che ancora non è avvenuta.

«Non riesco a capire come fa l’autorità colombiana a mantenere ancora lì questo cittadino italiano – continua Sarno – Lui non ha commesso alcun reato in Colombia. È stato arrestato sulla base di due ordinanze spiccate in Italia e non viene rimandato. Tutto questo comporterà un rallentamento dei processi». Precisa, infine, che non esistono indizi di grave colpevolezza a carico di Damiani, considerando che non è stata emessa alcuna misura cautelare.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *