Occupazione illecita di suolo pubblico: a Battipaglia interviene il Tar

Va avanti da tempo la lotta all’occupazione illecita del suolo pubblico che l’amministrazione comunale ha cominciato nei confronti dei commercianti.

Va avanti da tempo la lotta all’occupazione illecita del suolo pubblico che l’amministrazione comunale ha cominciato nei confronti dei commercianti.

La sindaca, dopo aver letto i verbali dei vigili che avevano rilevato l’occupazione non autorizzata di suolo pubblico, aveva firmato l’ordinanza di chiusura per alcuni esercizi commerciali.

La conseguenza è stato l’ordine di chiusura per almeno cinque giorni oltre al pagamento di sanzioni economiche.

I commercianti hanno pagato la multa poche ore dopo il sopralluogo dei caschi bianchi ed hanno rimosso tavoli, sedie e tutti gli articoli che occupavano il suolo pubblico.

Ma a fine settembre, sono arrivate le ordinanze della sindaca che ha ordinato la chiusura delle attività in questione per circa una settimana.

Ma i commercianti non ci stanno. «Le ordinanze sono abusive» dichiarano. E si appellano al Tar.

Il Tribunale amministrativo regionale ha accolto, attraverso un decreto cautelare, la richiesta dei titolari delle attività di sospendere l’ordinanza di chiusura per i loro negozi.

Gli esercenti non tireranno giù la saracinesca finché non ci sarà una sentenza. Per i commercianti l’ordinanza di chiusura è infatti illecita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *