Nocera, politica e camorra: l’ex vicesindaco resta ai domiciliari

Il Tribunale dei Riesame di Salerno ha disposto e confermato gli arresti domiciliari, seguendo le indicazioni della Cassazione

NOCERA INFERIORE. Il Tribunale dei Riesame di Salerno ha disposto e confermato gli arresti domiciliari, seguendo le indicazioni della Cassazione, per l’ex vicesindaco di Nocera Inferiore Antonio Cesarano, coinvolto nell’inchiesta “Un’altra storia” 2 per scambio elettorale politico-mafioso.

Nocera, politica e camorra: l’ex vicesindaco resta ai domiciliari

La conferma è un passaggio tecnico che ribadisce quanto già deciso dal Gip in precedenza: dopo 4 mesi di carcere Cesarano venne scarcerato dopo la decisione della Cassazione, che indicava la strada ai giudici del Tribunale della libertà.

La Corte di Cassazione aveva annullato con rinvio la prima decisione del Tribunale del Riesame, che a febbraio aveva confermato il carcere per l’ex vicesindaco, individuando un punto chiave per la rivalutazione.

Lo sviluppo favorevole per l ‘indagato arrivò con la valutazione procedurale che aprì uno spiraglio concreto per una restrizione alternativa perii biologo. Le misure cautelari relative all’inchiesta politica-camorra sono rimaste blindate dall’estate scorsa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *