Natalino Migliaro lotta per la vita

BATTIPAGLIA. Sembrava fossero stazionarie e che potessero anche migliorare le condizioni di Natalino Migliaro, ridotto quasi in fin di vita lo scorso 5 ottobre, a causa di un’aggressione. I medici del “Ruggi” avevano acconsentito anche alle visite di amici e parenti e si erano, in seguito, pronunciati su un laborioso intervento alla testa, per ridurre […]

BATTIPAGLIA. Sembrava fossero stazionarie e che potessero anche migliorare le condizioni di Natalino Migliaro, ridotto quasi in fin di vita lo scorso 5 ottobre, a causa di un’aggressione. I medici del “Ruggi” avevano acconsentito anche alle visite di amici e parenti e si erano, in seguito, pronunciati su un laborioso intervento alla testa, per ridurre la compressione esercitata dall’ematoma che si è formato all’interno del cranio, successivamente procrastinato nella speranza di un riassorbimento spontaneo della massa. Da martedì, però, la situazione clinica ha iniziato a vacillare e i medici sono stati costretti a sottoporre il 30enne a un’operazione d’urgenza. Per ora, si attende che i parametri rientrino nella norma e che la temperatura scenda.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *