Nasce a sole 24 settimane: bimba salvata all’ospedale di Salerno

Un caso di buona sanità all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. O, meglio ancora, un miracolo frutto dell’eccellente lavoro

donna, sparatoria

SALERNO. Nata a sole 24 settimane e appena 530 grammi di peso: bimba salva grazie all’equipe di Terapia intensiva neonatale. Un caso di buona sanità all’ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. O, meglio ancora, un miracolo frutto dell’eccellente lavoro dell’equipe di Terapia intensiva neonatale.

La piccola M., nata a sole 24 settimane di gravidanza, appena 530 grammi di peso, si è aggrappata con forza e tenacia alla vita senza mollare mai circondata dall’amore della sua famiglia. Ad aiutarla quotidianamente l’intero staff del reparto del nosocomio di via San Leonardo con cure e tanto affetto.

La bimba ce l’ha fatta, dopo 119 giorni di preoccupazioni e attesa. “Abbiamo sofferto tanto – dichiara Giuseppe, padre della piccola – ma senza mai perdere la speranza. Finalmente vediamo la luce fuori dal tunnel. Mia figlia adesso sta bene e ha fatto ritorno a casa. Medici, infermieri e personale del reparto Tin di Salerno sono stati eccezionali. Non smetterò mai di dirgli grazie, insieme a mia moglie e alla nostra famiglia, per aver salvato la nostra bambina”.

Il ringraziamento ai medici

A tal proposito, Giuseppe rivolge un plauso e un ringraziamento di cuore alla dottoressa Maria Grazia Corbo, direttore; al dottore Vincenzo Della Monica, alla dottoressa Annarita Frascogna, al dottore Nicola Todisco, al dottore Antonio Criscuolo, alla dottoressa Melania Visconti, al dottore Gerardo Alfano, alla dottoressa Assunta Santullo, al dottore Francesco Ciccullo, al dottore Raffaele D’Ambrosio, alla dottoressa Marilena Del Giorno, al dottore Giuseppe Vassallo.

E, ancora, al coordinatore infermieristico Elvira Iuliano e agli infermieri Nunzia Sicignano, Diana Parente, Imma Cannavale, Loredana Nicoletti, Assunta Laudato, Rina Carrano, Costantina Campeglia, Elena Capuozzolo, Ornella Massa, Annarosa Tropodi, Annamaria Gioia, Rosalba Ragosta, Olimpia Papacena, Tiziana Iuliano, Antonietta Sessa, Susanna Calabrese, Nicolina Marmo.

“Un abbraccio forte – aggiunte il papà della bimba – anche al dottore Luigi Lombardi, del reparto Tin dell’ospedale Santobono di Napoli che ha assistito la piccola per un altro intervento delicato. E grazie di vero cuore a Francesco Cardone, Mariano Napoli e Alfonso Capuano per esserci stati sempre vicini in questi giorni così difficili. Grazie a tutti voi siamo tornati a vivere insieme a nostra figlia. E’ questa la nostra gioia più bella che non dimenticheremo mai”.


fonte: Cronache

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *