Muore nel corso di odissea tra ospedali: un calvario di 5 ore

È morta, in seguito ad una drammatica odissea tra ospedali della provincia di Salerno, una 49enne di Omignano, Barbara Di Matteo, in seguito ad una grave emorragia cerebrale.

auto, anziano si lancia nel vuoto, femore rotto, ambulanza bloccata nel traffico

È morta, in seguito ad una drammatica odissea tra ospedali della provincia di Salerno, una 49enne di Omignano, Barbara Di Matteo, a causa di una grave emorragia cerebrale.

È prima arrivata all’ospedale San Luca di Vallo della Lucania in fin di vita ma la Tac è rotta, allora la donna viene portata all’ospedale di Battipaglia dove i sanitari ne dispongono il trasferimento al San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, qui pero’ si decide di mandarla a Napoli.

La donna, pero’, non riesce ad arrivare al Cardarelli e muore durante il tragitto verso l’ospedale partenopeo.

È morta così, dopo cinque ore di calvario, Barbara Di Matteo, una moglie e una mamma di un ragazzo di diciassette anni.

Muore nel corso di un’odissea tra ospedali: i dettagli

Ha avuto tutto inizio martedì sera.

La donna martedì sera ha avvertito un improvviso malore, aveva la febbre alta e quando i familiari hanno chiesto aiuto era già in gravi condizioni.

Quando i sanitari del 118, secondo quanto riporta Il Mattino, l’hanno prelevata dalla sua abitazione di Omignano la cinquantenne è stata subito trasferita al pronto soccorso dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania.

I sanitari del presidio vallese non hanno potuto praticare alla donna le cure necessarie perché impossibilitati ad effettuare una prima Tac. Il macchinario in dotazione alla radiologia dell’ospedale vallese, a quanto pare era fermo da giorni per un guasto.

Un pezzo da cambiare, forse, non ha consentito il ricovero immediato della donna.

Per la cinquantenne quindi è iniziato il viaggio negli ospedali della provincia fino a Napoli alla ricerca di una Tac e di un ricovero.

La denuncia

http://www.occhiodisalerno.it/sanita-morte-barbara-di-matteo-denuncia-20-gennaio-2018/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *