Muore dopo intervento al cuore e odissea in tre ospedali: 27 indagati

27 indagati per la morte di Raffaele Pastore, il 71enne di Maiori deceduto lo scorso 28 luglio nel reparto malattie infettive del Ruggi

Muore dopo intervento al cuore e odissea in tre ospedali: 27 indagati per la morte di Raffaele Pastore, il 71enne di Maiori deceduto lo scorso 28 luglio nel reparto malattie infettive del Ruggi.

L’uomo era morto a causa di una complicanza legata ad un intervento per la sostituzione di una valvola cardiaca effettuato due mesi prima in una clinica di Mercogliano.

Gli avvisi di garanzia

Ad oltre una settimana dal decesso sono scattati gli avvisi di garanzia nell’ambito di un’indagine che si annuncia già lunga e complessa interessando ben tre centri ospedalieri nei quali si è consumata la degenza del paziente dal ricovero, avvenuto lo scorso 10 maggio fino al decesso registratosi sabato scorso.

Odissea in tre ospedali

Sul registro degli indagati sono finiti 12 sanitari dell’ospedale di Salerno, plesso ospedaliero dove l’anziano è morto, 10 della clinica Montevergine di Mercogliano dove è stato effettuato l’intervento chirurgico e 5 del centro riabilitativo dell’ospedale “Criscuolo/don Gnocchi” di Sant’Angelo dei Lombardi dove l’uomo era stato trasferito l’8 giugno scorso prima di finire in gravissime condizioni al nosocomio di via San Leonardo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *