Mercato San Severino, avviata sistemazione pensiline alle fermate dei bus

Il vicesindaco di Mercato San Severino, Gerardo Figliamondi, comunica ai cittadini l'avvio della sistemazione delle pensiline alle fermate degli autobus

Pensilina-autobus

Mercato San Severino. Il vicesindaco di Mercato San Severino, Gerardo Figliamondi, comunica ai cittadini l’avvio della sistemazione delle pensiline alle fermate degli autobus su tutto il territorio.

Mercato San Severino, avviati i lavori di sistemazione delle pensiline alle fermate degli autobus: lo comunica il vicesindaco Figliamondi

Avviata l’attività di sistemazione delle pensiline alle fermate degli autobus in tutto il territorio comunale. Né dà notizia il vicesindaco, assessore delegato alla manutenzione, all’igiene, al decoro urbano ed alle politiche della sicurezza e Polizia Municipale, Gerardo Figliamondi.

«L’attività di sistemazione e riparazione delle pensiline – dice Figliamondi – quantomai necessaria, costituisce un momento  di attenzione verso il mantenimento del decoro urbano e un’occasione per la dovuta manutenzione ad elementi del  nostro patrimonio comunale».

«Non ci stiamo limitando alla semplice riparazione od alla manutenzione ordinaria e straordinaria. Ciascuna pensilina – prosegue – è abbellita con una gigantografia raffigurante la veduta aerea del Parco Archeologico del Castello dei Sanseverino, il bene artistico e storico più rappresentativo e il simbolo della nostra Città, insieme a manifesti recanti notizie  utili circa il sistema e le modalità di di organizzazione della raccolta differenziata dei rifiuti».

«Un’altra occasione di miglioramento e cura dell’immagine della nostra Città – chiude il sindaco Antonio Somma – “perché le pensiline costituiscono una sorta di biglietto da visita per chi raggiunge Mercato San Severino con i mezzi pubblici. Anche questa un’attività svolta tra non mille difficoltà, considerate le esigenze di bilancio del Comune e le scarse risorse disposizione, ma indispensabile per assicurare il dovuto lustro alle strade cittadine e delle frazioni».

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *