“L’affido familiare una scelta vincente”, il convegno ieri a Pontecagnano

PONTECAGNANO. Si è tenuto ieri sera, presso il Complesso ex Tabacchificio Centola a Pontecagnano il convegno “L’affido familiare una scelta vincente”. Il convegno rientra nell’ambito dell’itinerario di sensibilizzazione promosso dal Piano Sociale di Zona S4. A testimoniare la ‘scelta vincente’ dell’affido familiare diverse famiglie che hanno accettato la sfida dell’accoglienza e della corresponsabilità educativa. «L’affido […]

PONTECAGNANO. Si è tenuto ieri sera, presso il Complesso ex Tabacchificio Centola a Pontecagnano il convegno “L’affido familiare una scelta vincente”. Il convegno rientra nell’ambito dell’itinerario di sensibilizzazione promosso dal Piano Sociale di Zona S4. A testimoniare la ‘scelta vincente’ dell’affido familiare diverse famiglie che hanno accettato la sfida dell’accoglienza e della corresponsabilità educativa. «L’affido è un dono, anche a se stessi: è un percorso che incrementa la propria umanità,sperimentando un di più di significato», ha affermato Carmine Russomando, raccontando l’esperienza di accoglienza di cui è protagonista la sua famiglia, suscitando l’applauso entusiasta del pubblico presente. «Occorre rafforzare il sistema dei servizi sociali», ha dichiarato il dottor Marco Giordano, assistente sociale specialista, responsabile di “Progetto Famiglia, ma è innanzitutto la comunità il vero soggetto della proposta educativa». La dottoressa Antonella Oliva, assistente sociale del Comune di Pontecagnano Faiano, Coordinatrice del Servizio Adozioni ed Affido Territoriale (SAAT), ha documentato “l’impegno dei servizi sociali comunali e territoriali, al fine di favorire la cultura dell’accoglienza e della deistituzionalizzazione”. Attualmente 62 sono i minori dell’Ambito Territoriale in affido, secondo le modalità intrafamiliare o extra, e 55 quelli in strutture residenziali e semiresidenziali. Gli aspetti psicologici dei percorsi intrapresi sono stati trattati dalla dottoressa Grazia Giugliano e dalla dottoressa Rosa Di Capua, mentre la dottoressa Anna Chiara Cotroneo, (assistente sociale) ha illustrato l’inizio di attività del SAAT nelle scuole. «Svilupperemo un’azione di natura culturale ed educativa, intensificando su questa tematica i rapporti e le iniziative con la scuola, ha dichiarato la dottoressa Daniela Sibilio, Coordinatrice del Piano Sociale di Zona S4; nello stesso tempo, saremo impegnati a valorizzare socialmente le reti di ‘vicinato’, ovvero di cittadinanza solidale». «Nonostante il taglio lineare del 50%, ha dichiarato l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Pontecagnano Faiano, Francesco Pastore, i Comuni del territorio hanno rafforzato le politiche a favore della famiglia, valorizzando il patrimonio delle professionalità sociali». «Siamo tutti impegnati, ha dichiarato il sindaco del Comune capofila del Piano Sociale di Zona S4, a realizzare una città solidale e a sviluppare un territorio accogliente». “Pontecagnano Faiano città amica del benessere psicologico”: è la targa consegnata dall’Ordine degli Psicologici della Regione all’Amministrazione Comunale. Il convegno si è svolto nell’ambito della “Settimana per il benessere Psicologico in Campania”, in cui sono impegnati tutti i Comuni dell’Ambito Territoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *