La storia del battipagliese Giuseppe, emigrato in Germania, a “C’è Posta per te”

La storia del battipagliese Giuseppe a “C’è Posta per Te“. Nell’ultima puntata di ieri, negli studi di Canale 5, la mamma di Giuseppe ha raccontato della prematura scomparsa del marito a soli 39 anni. E del figlio emigrato in Germania appena diciottenne. Massimo inizia a lavorare come pizzaiolo a Berlino, tutto quello che guadagna lo […]

La storia del battipagliese Giuseppe a “C’è Posta per Te“. Nell’ultima puntata di ieri, negli studi di Canale 5, la mamma di Giuseppe ha raccontato della prematura scomparsa del marito a soli 39 anni. E del figlio emigrato in Germania appena diciottenne. Massimo inizia a lavorare come pizzaiolo a Berlino, tutto quello che guadagna lo invia alla famiglia evitando anche di tornare in Italia per non sprecare denaro.

In studio anche la sorella Jessica che ha voluto regalare una serata speciale al fratello. Il suo mito? Lo chef Antonino Canavacciuolo. Quando il giovane Giuseppe entra in studio, commosso mentre ripercorre alcune fasi della sua adolescenza, finalmente corona il suo sogno: conoscere Canavacciuolo.

«Tu sei un vero uomo perché pensi alla famiglia» dice lo chef al battipagliese. Canavacciuolo ha poi consegnato una ricetta speciale per i biscotti sottolineando che il cuore è l’ingrediente più importante, e regalato un grembiule autografato ed un corso per diventare chef (‘Verrai alla mia scuola’).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *