Indagati i sindaci di San Mauro Cilento

SAN MAURO CILENTO. Indagati il sindaco Carlo Pisacane e gli ex sindaci Giuseppe Cilento e Sabato Di Gregorio. Indagati per i reati di concorso in abuso d’ufficio e falso ideologico in atti pubblici: i tre avrebbero favorito la cooperativa “La Coccinella” nell’affidamento di vari servizi pubblici, ossia mensa e trasporto scolastico facendole incassare oltre un […]

SAN MAURO CILENTO. Indagati il sindaco Carlo Pisacane e gli ex sindaci Giuseppe Cilento e Sabato Di Gregorio. Indagati per i reati di concorso in abuso d’ufficio e falso ideologico in atti pubblici: i tre avrebbero favorito la cooperativa “La Coccinella” nell’affidamento di vari servizi pubblici, ossia mensa e trasporto scolastico facendole incassare oltre un milione di euro.
I fatti risalgono al periodo 2000-2013: al vaglio degli inquirenti della Procura di Vallo della Lucania, 19 delibere.

Una risposta a “Indagati i sindaci di San Mauro Cilento”

  1. La notizia pare che debba fare clamore! Come mai così tardi dopo 13 anni? La Magistratura, arriva quando i danni sono stati fatti e gli effetti politici hanno rafforzato la catena di S.Antonio. Tra una discussione e l’altra correranno i termini, interverrà la prescrizione e di tutto il rumore resterà solo il popolo che si leccherà le ferite. Una volta un magistrato serio, durante una discussione, espresse l’idea che si dovesse fare nel Cilento un convegno allargato sul territorio sul tema “quale giustizia per lo sviluppo del Cilento”. Quel Magistrato aveva intuito il problema. Purtroppo ancora oggi constatiamo che certi personaggi politici scorazzano indisturbati attraverso atti, programmi e scelte, calpestando legalità, correttezza e buon andamento della P.A Tutti ne parlano, bisbigliano nascosti dietro la siepe, ma nessuno fa niente per intervenire prima che il danno venga fatto. Se poi ti azzardi a ribellarti o a denunciare, la macchina dei controlli si muove contro il malcapitato fino a distruggerlo. E nella confusione dei ruoli e delle azioni, si dissolve o si dimentica il problema principale: il territorio, Eppure Il Cilento non è molto esteso e i personaggi famosi non sono molti. Su chi si indaga sul prof. Giuseppe Cilento, che per onestà può andare ad installare la bandiera sulla vetta del Gelbison. L’esigenza dell’azione obbligatoria ? Negli anni 50 il PCI conduceva le battaglie per la questione morale. La DC tutelata dalle istituzioni di controllo ha potuto fare sistema, che solo negli anni 90 ha cominciato a scricchiolare. Distrutta la D.C la cultura è stata eredita dai novelli figliocci che usano la cosa pubblica, e se ne vantano, per affari di famiglia, di amici e degli amici degli amici. Oggi non è cambiato niente, la giustizia continua il suo corso contro le persone che hanno condotto quelle battaglie. Guai a fare certi nomi! Non disturbate la VERITA’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *