Incendio Nappi, Cammarano: «Stop agli impianti nella Piana del Sele»

Interviene anche il consigliere del M5S, Cammarano: «Rogo a Battipaglia, stop alla concentrazioni di impianti nella Piana del Sele»

cammarano

BATTIPAGLIA. Un vasto incendio è divampato sulla zona industriale di Battipaglia stanotte, presso l’azienda Nappi Sud. Sul posto sono presenti le forze dell’ordine e i vigili del fuoco della stazione di Eboli. Interviene anche il consigliere del M5S, Cammarano: «Rogo a Battipaglia, stop alla concentrazioni di impianti nella Piana del Sele».

Il consigliere regionale: «Temiamo gli effetti di una bomba ecologica»

«L’incendio che ha distrutto un’azienda per il trattamento dei rifiuti, all’origine di una vera e propria bomba ecologica, ripropone ancora una volta la serie di criticità relative alla gestione del ciclo dei rifiuti in Campania, in particolare nell’area di Battipaglia e della Piana del Sele.

Al di là delle cause all’origine del rogo, gli unici a farne le spese restano i cittadini, vittime puntuali delle inefficienze e della negligenza della giunta regionale. Il modello di gestione dei rifiuti adottato negli ultimi 20 anni in Regione Campania, con riguardo alla centralizzazione territoriale degli impianti a dispetto delle direttive europee che invocano invece la prossimità e l’autosufficienza delle comunità, genera concentrazioni industriali, economiche e politiche pericolose». È quanto dichiara il consigliere del Movimento 5 Stelle Michele Cammarano.

Lo Stir di Battipaglia

«Nell’ultima battaglia contro l’ampliamento dello Stir di Battipaglia – sottolinea Cammarano – abbiamo sollecitato in più di un’occasione la questione relativa alla concentrazione di aziende nell’area industriale interessata. La presenza di impianti pubblici e privati, dedicati alla gestione dei rifiuti di buona parte della provincia e autorizzati senza alcun interesse per l’eventuale impatto ambientale, è una questione che non può più essere elusa, anche alla luce dell’evento della scorsa notte.

Come Movimento 5 Stelle, siamo vicini alla comunità di Battipaglia, con l’impegno di seguire attentamente gli sviluppi delle indagini, oltre che di accertarci sulle eventuali conseguenze sull’ambiente nella Piana del Sele».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *