Il sindaco di Altavilla chiede incentivi per le attività agricole

ALTAVILLA SILENTINA. Il sindaco Antonio Marra, fa voti alla Regione Campania affinché adotti misure incisive per incentivare le attività agricole messe in ginocchio, oltre che dalla crisi, e dalle avverse condizioni meteorologiche. <<L’eccezionale ondata di caldo che si è registrata tra settembre e ottobre – afferma il primo cittadino Marra – ha provocato una fortissima […]

ALTAVILLA SILENTINA. Il sindaco Antonio Marra, fa voti alla Regione Campania affinché adotti misure incisive per incentivare le attività agricole messe in ginocchio, oltre che dalla crisi, e dalle avverse condizioni meteorologiche. <<L’eccezionale ondata di caldo che si è registrata tra settembre e ottobre – afferma il primo cittadino Marra – ha provocato una fortissima contrazione del raccolto agricolo, da cui sono derivate conseguenze negative per l’economia del paese e per le famiglie di agricoltori. I settori danneggiati sono in particolare quelli dell’olivicoltura e della viticoltura, soprattutto per la presenza di insetti attratti dal caldo>>. Le attività legate alla coltivazione di oliveti e vigneti rappresentano per il territorio altavillese la parte più importante dell’economia, le cui radici affondano da sempre nella tradizione agricola. <<Sono numerose – continua Marra – le richieste di sostegno giunte al Comune da parte di cittadini che hanno perso l’unica fonte di reddito per il mantenimento della propria famiglia. Per tali motivi, come ente, ci stiamo attivando per chiedere alla Regione opportuni interventi a sostegno dell’attività agricola, in considerazione soprattutto del periodo di crisi profonda che, ormai da anni, attanaglia la società in generale. Per questi motivi – conclude – abbiamo proposto alla Regione la programmazione di incentivi, che tengano conto della densa concentrazione di attività afferenti al settore agricolo sul territorio>>. La richiesta, oltre che alla Regione Campania, è stata diramata anche alla Provincia di Salerno e al Ministero dell’Agricoltura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *