I Comuni più “generosi” coi dipendenti: Giffoni Sei Casali e Salerno al top

Oggetto del rapporto, oltre le assenze per dipendente, anche i fondi per la contrattazione integrativa: il “termometro” del salario accessorio

Giffoni Sei Casali è il Comune più generoso d’Italia nei confronti dei suoi impiegati:14319 euro in più cadauno oltre lo stipendio.

E’ quanto emerge dai dati pubblicati dal rapporto Ermes pubblicato ufficialmente nella giornata di ieri e basato sullo studio di dati provenienti da 2298 Comuni con oltre 5000 residenti ed almeno 11 dipendenti.

Oggetto del rapporto, oltre le assenze per dipendente, anche i fondi per la contrattazione integrativa: il “termometro” del salario accessorio a livello di singola amministrazione (dirigenti esclusi).
Fondi che vengono assegnati ad ogni dipendente attestatisi su una media di 4750 euro annui.

I più generosi in Provincia di Salerno

Ci sono Comuni del salernitano che nel 2015 hanno ampiamente travalicato la media sopracitata come nel caso di Giffoni Sei Casali e di Salerno (che risulta essere al primo posto fra i Comuni con più di mille dipendenti: 10066 euro in più) ed altri che l’hanno superata per pochi euro.

Questa la classifica degli enti più generosi con i propri dipendenti:

1. Giffoni Sei Casali 14319 euro
2. Salerno 10066 euro (primo fra i Comuni con oltre mille dipendenti)
3. Scafati 7967 euro
4. Montecorvino Rovella 6930 euro
5. Giffoni Valle Piana 6929 euro
6. Angri 6697 euro
7. Montesano Sulla Marcellana 6623 euro
8. Cava de’ Tirreni 6315 euro
9. Sassano 6272 euro
10. Capaccio Paestum 6254 euro
11. Sant’Egidio Del Monte Albino 6240 euro
12. Baronissi 5905 euro
13. Pontecagnano Faiano 5401 euro
14. Nocera Superiore 5357 euro
15. Nocera Inferiore 5218 euro
16. Pellezzano 5197 euro
17. Campagna 5097 euro
18. San Valentino Torio 5071 euro
19. San Cipriano Picentino 5056 euro
20. Maiori 5049 euro
21. Altavilla Silentina 4963 euro
22. Polla 4904 euro
23. Agropoli 4867 euro

 

23 Comuni al di sotto della media

Si spazia dai 4728 euro in più di Sarno ai 1541 euro di Albanella.

Questa la classifica:

1. Sarno 4728 euro
2. Amalfi 4668 euro
3. Teggiano 4663 euro
4. Mercato San Severino 4585 euro
5. Fisciano 4526 euro
6. Vallo della Lucania 4484 euro
7. Eboli 4459 euro
8. Castel San Giorgio 4443 euro
9. Pagani 4275 euro
10. Casal Velino 4228 euro
11. Sala Consilina 4048 euro
12. Bellizzi 3931 euro
13. Bracigliano 3769 euro
14. Sapri 3669 euro
15. Montecorvino Pugliano 3664 euro
16. Roccapiemonte 3673 euro
17. San Marzano Sul Sarno 3464 euro
18. Vietri Sul Mare 3454 euro
19. Padula 3398 euro
20. Siano 3384 euro
21. Castellabate 3260 euro
22. Camerota 2752 euro
23. Albanella 1541 euro

 

I migliori ed i peggiori su base nazionale

I primi tre Comuni italiani per fondi per la contrattazione integrativa del personale:

1. Giffoni Sei Casali 14319 euro
2. Ronciglione (Provincia di Viterbo) 13844 euro
3. Cherasco (Provincia di Cuneo) 13028 euro

Gli ultimi tre Comuni italiani per fondi per la contrattazione integrativa del personale:

1. Grazzanise (Provincia di Caserta) 426 euro
2. Barrafranca (Provincia di Enna) 501 euro
3. Pula (Provincia di Cagliari) 571 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *