Eboli, l’opposizione attacca sul regolamento beni patrimoniali

Qui di seguito una nota stampa dei consiglieri comunali di opposizione relativamente all'approvazione del regolamento per la gestione dei beni patrimoniali

consigli comunali, sportello anti racket ed anti usura

EBOLI. Qui di seguito una nota stampa dei consiglieri comunali di opposizione Damiano Cardiello – Santo Venerando Fido – Antonio Conte – Antonio Petrone – Teresa Di Candia relativamente all’approvazione del regolamento per la gestione dei beni patrimoniali.

Nota stampa opposizione Eboli

Venerdì scorso 13 luglio la maggioranza in Consiglio Comunale ha approvato un nuovo Regolamento per i Beni Patrimoniali che rappresenta un evidente inizio di campagna elettorale, in cui la discrezionalità delle assegnazioni tramite alcune eccezioniavrà un ruolo decisivo nell’orientamento privilegiato verso le associazioni e comitati di quartiere “amici”.

Noi già avevamo uno strumento che disciplinasse la concessione del nostro patrimonio, tramite il regolamento approvato nel 2014 dal Commissario Prefettizio, il quale stabiliva che qualsiasi bene pubblico dovesse essere messo a bando per la sua assegnazione per garantire trasparenza, imparzialità e terzietà. Questi principi a tutela della legalità nel 2014 furono condivisi anche da chi oggi amministra la Città ed allora si candidava per il cambiamento,di cui oggi non si ha traccia. Bastava fare delle piccole modifiche per le strutture sportive, visto il fallimento della Multiservizi, e si poteva andare avanti così.Purtroppo ciò che è accaduto nell’assise comunale ribalta totalmente quanto condiviso e stabilito il quel regolamento, che negli ultimi tre anni non è stato mai applicato perché scomodo. Infatti per ovviare ai troppi vincoli hanno deciso di modificarlo, inserendo capitoli e punti specifici per favorire la discrezionalità politica e limitare il lavoro dell’ufficio patrimonio.

Hanno previsto un articolo dedicato alle “Deroghe (art. 18 quater)” attraverso cui la Giunta Comunale potrà decidere a chi assegnare un bene patrimoniale,“qualora ricorrano casi particolari o per esigenze e circostanze non prevedibili”, evitando le trafile dell’avviso pubblico. I soggetti interessati saranno: Enti pubblici o di rilevanza pubblica e/o sociale, Aziende o Agenzie pubbliche, Associazioni con fini sociali – assistenziali di rilievo sovracomunale; Comitati di quartiere; Enti di Culto o istituzioni religiose legalmente riconosciute. Inoltre, i fortunati che avranno la concessione del bene dalla Giunta, potranno riceverlo addirittura fino al termine di dieci anni. Per noi ciò è decisamente un chiaro messaggio elettorale, che favorirà una politica clientelare privilegiando pochi graziati.

Un ulteriore aspetto dannoso che va in questa ottica sarà l’indicazione a priori dei criteri di valutazione delle offerte per l’assegnazione di un bene. È evidente la volontà politica di limitare l’autonomia dell’ufficio patrimonio che dovrà predisporre l’avviso pubblico, di mettere dei paletti e cucire vestiti che potranno essere indossati sempre da pochi privilegiati.
Paradossale è stata la bocciatura senza lettura degli emendamenti correttivi presentati in Consiglio, in particolare uno: all’art. 50 “Facoltà del Concessionario” avevamo chiesto di inserire un passaggio in cui si prevenissero tentativi di estorsione, obbligando il concessionario a denunciare pressioni e/o richieste di denaro per i servizi annessi alle strutture sportive.

Pertanto denunciamo fortemente quanto approvato dai Consiglieri che sostengono il Sindaco Cariello, un tentativo di condizionare le scelte future a vantaggio di pochi per un tornaconto elettorale. Gli Ebolitani non si faranno ingannare anche se si tenta di indottrinare la Cittadinanza mostrando loro il Bello, lo Spettacolo, i Giochi. Chiediamo ai Cittadini di impegnarsi in prima persona per capire le reali strategie politiche messe in atto per una prematura campagna elettorale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *