Droga e prostituzione: arresti a Capaccio Paestum ed Eboli

Droga e prostituzione: arresti a Capaccio Paestum ed Eboli. Operazione condotta dai carabinieri di Agropoli.I dettagli del blitz

Il 13 luglio, a Capaccio Paestum e Eboli, militari della Compagnia Carabinieri di Agropoli, supportati da quelli territorialmente competenti, hanno eseguito un”ordinanza di custodia cautelare – emessa dal GIP del Tribunale di Salerno, su richiesta della Procura della Repubblica – nei confronti di 5 indagati (2 agli arresti domiciliari « 2 all’obbligo di dimora e 1 all’obbligo di presentazione alla P. G.) ritenuti responsabili di “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti” in concorso, nonché, per 2 degli indagati, di “favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione”.

Droga e prostituzione: arresti a Capaccio Paestum e Eboli

I provvedimenti restrittivi scaturiscono da un°indagine, avviata nell’aprile 2017 e condotta dai militari della Compagnia Carabinieri di Agropoli, che ha portato all’individuazione di diversi soggetti, dediti a vario titolo allo spaccio di cocaina, eroina e hashish nei comuni di Capaccio Paestum e Battipaglia, nonché di riscontrare, nei confronti di 2 degli indagati, delle condotte di sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione.

Il primo per aver locato immobili per lo svolgimento del meretricio di due donne, consentendo che all’interno di detti immobili vi si svolgesse la prostituzione – sistematicamente esercitata dalle medesime signore – con il pagamento a titolo di locazione irregolare di somme di danaro significativamente più elevate da quelle ordinariamente previste per analoghe situazioni abitative, mentre il secondo per aver favorito e comunque indotto al meretricio un’ulteriore donna, procurandogli appuntamenti con individui con i quali intratteneva rapporti sessuali, e per cui la prostituta riceveva compensi in denaro.

L’attività investigativa, svolta attraverso metodi tradizionali supportati da attività tecniche e mirati servizi dinamici, ha consentito di documentare le responsabilità degli indagati in ordine ai reati ipotizzati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *