Dati Svimez, Forza Italia: “Salerno è la città più povera d’Italia”

I dati che emergono dal rapporto svimez emesso giorni fa mostrano una situazione quasi drammatica della situazione economica a Salerno

svimez, commissione trasparenza

SALERNO. I dati che emergono dal rapporto Svimez pubblicato giorni fa sulll’economia in Campania evidenziano una situazione che, per la città di Salerno, è molto preoccupante.

Proprio su quanto evidenziato dal rapporto Svimez i gruppi consiliari Forza Italia e Attiva Salerno dicono la loro.

“Ancora una volta i dati economici forniti da Enti terzi smentiscono clamorosamente le rappresentazioni, perfino farsesche, di una realtà favolosa che esiste solo nella fantasia di chi racconta senza contraddittorio.

Secondo i dati evidenziati dalla Svimez , Salerno sarebbe la città più povera del sud e, dunque, d’Italia.

L’ 11,1% della popolazione vive in uno stato di assoluta povertà.

È il tasso di povertà più alto registrato nei capoluoghi del centro sud”.

Secondo i dati Svimez Salerno è la città più povera d’Italia

Tale risultato è il fallimento delle tante amministrazioni che si sono susseguite nel corso degli anni, dicono i gruppi consiliari.

“Tali dati attestano in maniera confutabile i fallimenti delle amministrazioni progressiste che si sono succedute, che hanno bruciato milioni e milioni di euro dei contribuenti, i più tartassati d’Italia dai tributi comunali, senza riuscire a dare in 25 anni una vera identità economica e produttiva alla città.

Smentiscono anche i dati trionfalistici con cui vengono propagandate iniziative che costano cifre incredibilmente elevate alla collettività e che, evidentemente, a leggere quando rileva la Svimez, non garantiscono il ritorno economico sperato e pubblicizzato.

A Salerno si è favorito esclusivamente l’economia sorvegliata e/o gestita dalla mano pubblica, quella utile a controllare socialmente la città, cosicché i posti di lavoro creati sono quelli nelle cooperative di regime a bassa retribuzione, nel mentre la gran parte dei giovani, in particolare quelli più titolati, sono costretti a lasciare la città, determinando la crescita esponenziale dei trasferimenti di residenza definitivi.

Il bluff del modello Salerno è ormai pienamente smascherato.

Opere pubbliche mai terminate o mal realizzate, tessuto produttivo inesistente, tassazione incresciosa, povertà allarmante.

Primi in Italia per negatività.

Il motto “mai più ultimi” pare quasi essere divenuto un presagio di sventura”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *