Crisi dei matrimoni? Non in provincia di Salerno

In Italia i matrimoni sono in calo dal 2008. Ebbene si, c’è crisi anche fra chi decide di dichiararsi amore eterno, tanto più che farlo costa e tanto (ma giustamente l’Istat fa notare che potrebbe dipendere da un calo di nascite registrato dagli anni ’70 e per oltre 30 anni. Insomma i 16-35enni di oggi […]

In Italia i matrimoni sono in calo dal 2008. Ebbene si, c’è crisi anche fra chi decide di dichiararsi amore eterno, tanto più che farlo costa e tanto (ma giustamente l’Istat fa notare che potrebbe dipendere da un calo di nascite registrato dagli anni ’70 e per oltre 30 anni. Insomma i 16-35enni di oggi sono molto meno di quelli di qualche anno fa).
Ma state tranquilli se vivete in provincia di Salerno: qui la crisi sta passando.

Sono stati 5.109 i matrimoni nel 2013 celebrati in quel della provincia di Salerno. Uno ogni 216 abitanti. In media 14 matrimoni al giorno. E si tratta di un numero in crescita, dal momento che nell’anno precedente, il 2012, le coppie convolate a nozze sono state 4.811 con una differenza di quasi 300 coppie, rompendo la discesa verso il basso che anche qui si è registrata dal 2008 in poi.
Considerato che secondo matrimonio.it in Campania si spendono sui 17.000 euro per un giorno che sia il più bello di tutta una vita, stiamo parlando di un giro di affari che in provincia può aggirarsi intorno agli 85 miliardi di euro (calcolando per difetto).

Ma come sono le coppie salernitane?
In media, gli uomini che fanno il grande passo si aggirano intorno ai 34 anni, mentre le donne bruciano qualche tappa e si sposano intorno ai 31 anni.
Nel 10,4% dei casi almeno uno dei due coniugi è non italiano. Salerno è la regina campana delle coppie miste, dal momento che questa percentuale è la più alta rispetto a tutte le altre province: persino Napoli segue con l’8% di novelle coppie in cui uno dei due è straniero.
E, sapete, qualcuno decide addirittura di sposarsi per una seconda volta (ma anche una terza, una quarta…). Sono soprattutto gli uomini a decidere di risposarsi: sei uomini su cento (fra le donne, quattro su cento).

Per quanto riguarda il dove e il come, tiene la tradizione con il 76% dei matrimoni celebrato con l’antico rito religioso, in aumento del 6,3% rispetto al 2012; mentre i matrimoni civili sono stati 1211, ma in aumento anche questi rispetto all’anno precedente con un +5,8%.
Il mese preferito dalle giovani coppie per giurarsi amore eterno? Settembre, mese in cui nel 2013 sono stati celebrati 1029 matrimoni (una media di 34 celebrazioni al giorno), seguito da giugno con 831.

Qualcuno rimane in crisi. Nel 2013 non è stata registrata nessuna dolce celebrazione nei paesi di Ispani, Campora, Controne, Magliano Vetere, Ricigliano, Sacco, San Mauro la Bruca, Orria, Ottati e Postiglione. E non si tratta neanche quelli più piccoli della provincia: a Valle dell’Angelo, il Comune con meno abitanti, i matrimoni nel 2013 sono stati 2, uno ogni 129 abitanti (a Salerno città, sono uno ogni 232 persone); ed infatti Valle dell’Angelo è anche il comune con il minor numero di non sposati sul totale della popolazione.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *