Consorzio Bacino Sa2, passaggio di 95 lavoratori a Salerno Pulita: la lettera

È con una lettera di recente invio che varie sigle sindacali intervengono sulla questione del passaggio di di 95 lavoratori del Consorzio Comuni Bacino SA2 in liquidazione alle dipendenze della società Salerno Pulita SpA

È con una lettera di recente invio che varie sigle sindacali intervengono sulla questione del passaggio di di 95 lavoratori del Consorzio Comuni Bacino SA2 in liquidazione alle dipendenze della società Salerno Pulita SpA.

La lettera

Ecco le parole della lettera.

“Ill.mo Sig. Prefetto/Egr. Sig. Questore, le scriventi OO. SS., richiamano in premessa la propria nota del 4 maggio 2018, ad oggi ancora non riscontrata nonostante l’alta valenza sociale ed avente ad oggetto la richiesta di convocazione di un tavolo prefettizio con gli Attori Istituzionali, che leggono per conoscenza, nonché con i Sindaci dei 40 (quaranta) comuni costituenti il Consorzio Comuni Bacino SA2 in liquidazione per la ricollocazione delle restanti unità lavorative non ancora cantierizzate ed i cosiddetti “intercantieri/indiretti”, numero considerevole se si pensa che sono circa 300 lavoratori con tutti i gravissimi risvolti di natura sociale connessi.

Con l’ultimo incontro tenutosi presso Palazzo di Città è ormai imminente il passaggio di cantiere delle 95 unità lavorative succitate, per cui l’Ente Consortile non sarà più il gestore dei servizi attualmente svolti per il Comune Capoluogo e la relativa perdita economica sarà tale che lo stesso non avrà di fatto più operatività.

Al fine di evitare risvolti di caos sociale fu richiesto il tavolo prefettizio funzionale alla redazione di un documento “istituzionale” a garanzia futura dei restanti livelli occupazionali, la cui non convocazione ci porta oggi, sempre nel rispetto istituzionale che contraddistingue le scriventi, a comunicare che in data 29 maggio c.a., a partire dalle ore 10.00, si svolgerà un presidio dimostrativo negli spazi antistante la Prefettura con tutti i lavoratori interessati.”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *