Consiglio comunale a Capaccio: opere pubbliche e tasse. I particolari

CAPACCIO PAESTUM. Il consiglio comunale che si è svolto ieri presso il Palazzo di Città ha deliberato favorevolmente in merito all’attuazione del progetto volto alla realizzazione del sottopasso ferroviario a Paestum. Favorevoli tutti gli enti interessati: Rete Ferroviaria Italiana, Autorità di Bacino regionale Campania Sud e Interregionale per il bacino idrografico del fiume Sele, Soprintendenza […]

tasse

CAPACCIO PAESTUM. Il consiglio comunale che si è svolto ieri presso il Palazzo di Città ha deliberato favorevolmente in merito all’attuazione del progetto volto alla realizzazione del sottopasso ferroviario a Paestum. Favorevoli tutti gli enti interessati: Rete Ferroviaria Italiana, Autorità di Bacino regionale Campania Sud e Interregionale per il bacino idrografico del fiume Sele, Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici di Salerno e Avellino, Comando militare Esercito Campania, Soprintendenza per i Beni archeologici di Salerno, Avellino, Benevento e Caserta. Infatti, da quando il passaggio a livello è stato chiuso il territorio è stato tagliato in due, e per andare dall’una all’altra parte occorre fare molti chilometri in più. L’assessore ai Lavori pubblici Nicola Ragni ha annunciato che per la realizzazione del sottopasso verrà acceso un mutuo di circa 4,5 milioni di euro perché «le somme stanziate in passato da Ferrovie dello Stato per la realizzazione dell’opera sono state utilizzate dalle precedenti amministrazioni per altri fini». Dopo molti anni di progettazioni fallite, promesse e richieste, questa volta è stata scelta la strada giusta, come dimostrano i risultati: una progettazione valida approvata da tutti gli enti.

Il consiglio ha approvato anche la modifica dell’oggetto sociale dell’Azienda Speciale Paistom, in “servizi istituzionali del Comune di Capaccio”. Una riorganizzazione nell’erogazione dei servizi pubblici locali all’insegna delle recenti modifiche normative imposte a livello nazionale, che consente di eliminare a breve una delle due sole “partecipate” del Comune e di risparmiare immediatamente oltre 150.000 euro all’anno, da destinare ai cittadini di Capaccio Paestum. All’insegna del risparmio per le casse dell’Ente è anche la modifica del regolamento comunale sui controlli interni approvata dal Consiglio: «Si va nella direzione della semplificazione. – ha spiegato il consigliere Luciano Farro che ha relazionato sull’argomento – Si è ritenuto opportuno ridurre i costi che non migliorano l’efficienza dell’Ente».

Sono state approvate, inoltre, le modifiche al Piano triennale delle Opere pubbliche 2014/2016 ed elenco annuale 2014. «Questa modifica è dovuta ad un nuovo finanziamento ottenuto dall’amministrazione per il rifacimento di piazza Basilica, interamente finanziato dalla Regione» ha spiegato l’assessore Ragni, che ha annunciato anche la candidatura a finanziamento dei lavori di riqualificazione della palestra adiacente la scuola primaria di Capaccio Scalo, come programmati dall’assessorato alla Pubblica Istruzione. Inoltre, l’assessore ai Lavori pubblici ha aggiunto che, per quanto riguarda Capaccio Scalo, stanno per partire numerosi lavori. Oltre a quelli già effettuati, come ha ricordato il sindaco Italo Voza: «Fino a oggi per i soli lavori alle fognature, a Capaccio Scalo sono stati spesi 300 mila euro: in via Italia ‘61, in via Fornilli e vicino allo stadio Mario Vecchio».

Su proposta della giunta comunale, il consiglio ha autorizzato la proroga dei termini per il pagamento dei tributi comunali per le famiglie e le attività colpite dagli eventi alluvionali dello scorso gennaio (al 31 dicembre 2014 il saldo Tares 2013, per la parte comunale; al 31 dicembre 2014 il saldo Imu 2013, al 30 giugno 2015 il pagamento dei tributi anno 2014), per le cui richieste di risarcimento sono in corso i sopralluoghi da parte degli enti competenti, come evidenziato dal consigliere Roberto Ciuccio e dall’assessore Eustachio Voza, che ha messo a conoscenza il consiglio del costante monitoraggio e delle progettualità in corso relative al fiume Sele.

Il consiglio comunale ha poi votato e approvato la rinegoziazione dei mutui a carico del Comune. Con circolare 1281 del 7 novembre 2014, la cassa Depositi e Prestiti ha reso disponibile la rinegoziazione dei finanziamenti concessi a province e comuni. L’argomento è stato illustrato dal consigliere comunale Franco Longo. La rata, semestrale, passerà dagli attuali 192.410,94 euro a 121.426,40 euro.

È stata approvata la ratifica della delibera di giunta numero 437 del 17 ottobre 2014 finalizzata a modificare gli stanziamenti di Peg e degli interventi di bilancio 2014, del bilancio pluriennale 2014/2016, della relazione previsionale e programmatica 2014/2016 per le maggiori esigenze verificatesi nel corso della gestione. «Si tratta di circa 100 mila euro necessari per assicurare ai cittadini servizi essenziali. – ha spiegato il sindaco Italo Voza – Tra cui 21 mila euro per il trasporto urbano, 22 mila per il turismo, 90 mila per la gestione del depuratore».
Approvato anche l’assestamento generale del bilancio di previsione 2014.

Infine, il consiglio ha proceduto alla nomina dei rappresentanti nella Commissione del mercato ortofrutticolo di Paestum, di cui il Comune è socio: sono stati nominati i consiglieri Pasquale Mazza e Roberto Voza per la maggioranza e Franco Tarallo per l’opposizione. In ultimo, il consiglio ha votato a favore della proposta del sindaco di Centola di mutare la denominazione dell’Aeroporto di Pontecagnano da “Aeroporto di Salerno – Costa di Amalfi spa” a “Aeroporto di Salerno – Costa di Amalfi e Cilento spa”.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *