Condannato Christian Manfredini: «Interessato sempre e solo al calcio»

Pena di 8 anni di reclusione per il battipagliese Christian Manfredini. L'accusa: “essersi sottratto ai doveri di padre”

BATTIPAGLIA. Pena di 8 anni di reclusione per il battipagliese Christian Manfredini. L’accusa: “essersi sottratto ai doveri di padre”.

Il battipagliese Christian Manfredini è stato condannato dal tribunale di Torino per violazione degli obblighi di assistenza familiare.

L’imputato e le sanzioni

Ex giocatore, dal Chievo alla Lazio tornò a giocare a Battipaglia. Ora allenatore, non dovrà solo scontare 8 anni di reclusione, ma dovrà anche pagare 500 euro di multa e 6.500 euro alle parti civili.

La figlia oggi ha 22 anni e fu concepita a Torino quando giocava nella giovanile della Juventus.

Il legale delle parti offese: «Interessato sempre e solo al calcio»

Ha detto il legale della figlia e della madre: «Non è una questione di soldi. Sarebbe opportuno che Manfredini riprendesse i rapporti con la figlia. Hanno una solo foto insieme in vent’anni di vita.

Non hanno mai festeggiato un compleanno, un Natale. Lui, che l’ha riconosciuta dopo l’esame del Dna, non ne ha mai voluto sapere. Ha spiegato di essersi interessato sempre e solo al calcio. Lei l’ha cercato più volte, nella speranza che si decidesse a fare il padre».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *